Bologna Pride 2012: la mia risposta alle polemiche

Nel corso del Question Time di venerdì scorso, in Consiglio Comunale, ho risposto a due domande di attualità relative al Pride nazionale del 9 giugno prossimo. Intervenendo ho avuto modo di dire la mia sulle polemiche di questi giorni. Di seguito riporoto la trascrizione delle mie parole. “Al momento abbiamo condiviso con gli organizzatori del Gay Pride e il Comitato Pride nazionale soltanto il punto di partenza e il punto di arrivo della manifestazione, ancora non è stato definito il percorso esatto anche perché sarà oggetto di confronto con la Questura e la Prefettura; il percorso sarà poi comunicato alla città nelle prossime settimane. E’ stato concesso il patrocinio per quanto riguarda il programma degli eventi contenuti nel Pride. Sicuramente il percorso vedrà la partecipazione di alcuni carri con accompagnamento musicale che lasceranno ad un certo punto il corteo per poter permettere alle persone di poter entrare nella zona della “T” ed arrivare in Piazza Maggiore a piedi senza utilizzo di mezzi motorizzati. Leggi il seguito di questo post »


Bologna è capitale europea 2011 della mobilità sostenibile

Da oggi Bologna è capitale europea 2011 della mobilità sostenibile. Il Comune di Bologna, infatti, ha vinto il primo premio per la Settimana europea della mobilità dello scorso anno, che si è svolta dal 16 al 22 settembre e ha visto il grande successo della prima edizione dei “T-days”, la due giorni di apertura straordinaria a pedoni e ciclisti della T.


Primo g. di TDays: le 6 cose cose più belle (2°me)

Sabato 3 dicembre le porte della T (via Indipendenza, Rizzoli, Ugo Bassi) si sono aperte ai bolognesi e di nuovo un fiume di gente è entrata, percorrendo in lungo e in largo le strade, i vicoli, le piazzette. Come è andato il primo giorno? durante i TDays si vota con i piedi e nella prima giornata di queta seconda edizione di passi ne stiamo contando tanti. Camminare lungo la T nei TDays significa “domandare” una città più vivibile, certo, ma soprattutto un centro più bello, pulito e accessibile.

Le 6 cose più belle del primo g. di TDays (2°me):

6. Scoprire che il centro storico medioevale di Bologna è 400 ettari, mentre quello di Barcellona è solo 200 ettari (wow!)

5. Il fiume continuo di bolognesi che camminano in via Indipendenza (questa è la vera versione…)

4. I blogger che impazziscono per #TDays (fondamentali!)

3. Le scenografie dello spettacolo “Bagatelle” visto ieri al Teatro del carcere minorile del Pratello (intense…)

2. L’inaugurazione dello spazio in via Sant’Apollonia 23-24 gestito da MiroArchitetti e Vicolo PagliaCorta, vincitori di Incredibol (così Bologna vive!)

1. I bambini seduti comodamente all’incrocio della T (lo stiamo facendo per loro)


– 4 gg ai TDays: il 3 e 4 dicembre per respirare ancora

Sabato 3 e domenica 4 dicembre la T – via Rizzoli, via Ugo Bassi e via Indipendenza – sarà chiusa al traffico e aperta ai cittadini. Dopo la prima edizione di settembre, un altro week-end di shopping, cultura e divertimento nel segno della sostenibilità ambientale, nel cuore della città già immersa nell’atmosfera natalizia. Durante i T Days si potrà camminare liberamente attraverso la T, perdendosi tra le vetrine, i monumenti, le botteghe, le piazze, i musei e i mercati cittadini, scoprendo la città da una nuova e piacevole prospettiva. La coincidenza col Motor show sarà anche il modo per promuovere nuovi stili di vita compatibili dal punto di vista ambientale, ad esempio tramite la diffusione di veicoli elettrici, come forma di mobilità sostenibile in aggiunta al trasporto pubblico e alla mobilità ciclo-pedonale.

Il programma degli eventi – tanta roba…


Cosa regaleresti a Bologna? #TDays


TDays il 3 e 4 dicembre: partenza per confronto su piano Bologna pedonale

Abbiamo annunciato la nuova edizione dei  TDays per il fine settimana del 3 e 4 dicembre, in occasione del MotorShow. E’ la seconda apertura straordinaria a pedoni e ciclisti delle vie Rizzoli, Ugo Bassi e Indipendenza nel pieno del clima prenatalizio, e coinciderà con l’avvio del percorso partecipato dell’Amministrazione sul piano della pedonalità. La città è di nuovo chiamata a sperimentare insieme e a confrontarsi sul tema dello spazio pubblico e della mobilità sostenibile, questa volta in inverno e nel weekend di apertura del Motor Show, con l’intento che la concomitanza costituisca uno stimolo per tutti noi, autisti e pedoni a un tempo, a un uso responsabile dei mezzi. Ancora una volta l’evento sarà la ‘T’ vista sotto una nuova luce, attraversata da bambini in bicicletta, famiglie, turisti e curiosi. Saranno inoltre presentati alla città i materiali prodotti in occasione dei primi T Days, quelli ‘ufficiali’ e quelli inviati dai partecipanti al contest lanciato per coinvolgere la città nel racconto condiviso di queste giornate particolari.

Come vorreste i prossimi TDays? inviateci le vostre proposte e anche cosa vorreste organizzare voi in prima persona.


TDays … 60 mila persone nella T

In questi giorni, moltissimi sono i messaggi arrivati, a me e agli altri assessori, che parlano con entusiasmo dei TDays…una sola persona mi ha scritto contrariata. Personalmente penso che le giornate del 17 e 18 settembre abbiano rappresentato in modo esemplare quanta energia possa sprigionare Bologna se la si ascolta…sentire il rumore dei passeggini e il cigolio delle biciclette all’incrocio tra via Indipendenza e via Rizzoli è stata un’esperienza unica. Sabato sera poi, wow! …a chi dice che Bologna è una città morta e in declino mostrerò per sempre i video e le foto di quella serata.

60 mia bolognesi hanno partecipato ai TDays del 17-18 settembre 2011

Alcuni numeri sull'evento