Lepore vuole riavviare il Treno – Il Corriere

treno«Portiamo l’estate culturale nel Treno della Barca per rivitalizzarlo». Il Comune pensa a come valorizzare uno dei dodici tratti dei portici scelti per il dossier dell’Unesco e punta tutto sulla cultura e sui centri di aggregazione giovanile. Che è quello che hanno chiesto a gran voce i residenti e i commercianti del Treno, sentiti sulla candidatura di «casa» loro all’Unesco. «Ci sentiamo abbandonati, i negozi sono quasi tutti chiusi, non si fanno più iniziative culturali qui e il rischio è di tornare a essere un ghetto», hanno detto in coro al Corriere, durante il suo viaggio nei portici selezionati per il dossier. «Il Treno della Barca è un luogo dell’anima, ci credo cosi tanto che sono andato a vivere 1º vicino. La Barca è uno dei quartieri più interessanti della città, è verde e rappresenta una delle grandi questioni aperte che Bologna ha di fronte». L’assessore alla Cultura di Palazzo d’Accursio, Matteo Lepore, coglie la «sfida» lanciata dagli abitanti e dai commercianti del Treno. Leggi il seguito di questo post »


Il Natale e le periferie

conad

il 24 dicembre con i residenti del Fossolo 1

Questo Natale ci sono molti buoni motivi per guardare alle tante periferie della nostra città, quelle geografiche, quelle dell’anima. Le storie che Bologna è in grado di raccontare sono quasi infinite, lo sappiamo. Vicende cariche di drammi e di gioia, di luci e di ombre, di speranza e di rassegnazione. Forse sto invecchiando anch’io, ma in questi giorni ritrovo in ognuna di esse un valore comune, un fattore che può fare la differenza nella nostra ricerca di futuro. La voglia fottuta di non lasciarsi andare, di non sentirsi soli, impauriti come siamo di smarrire la strada, di perdere quanto di buono abbiamo costruito in una vita. Lontane dai riflettori ci sono tante storie comuni che sicuramente meritano di essere raggiunte, in questa grande città, che ora ci piace chiamare metropolitana, ma dove sento tagliare le radici e sradicare i legami, mentre avanza il concetto di periferia. Non è di malinconia che sto farneticando, ma della voglia di essere una comunità che ancora ci preme, ne sono sicuro. Questo Natale andiamo in periferia per ritrovare noi stessi. Ecco alcune tappe che vi propongo. Leggi il seguito di questo post »


Vi ricordate la via Emilia Ponente?

Vi ricordate la via Emilia Ponente? domani la pedonalizziamo per un chilometro grazie al contributo di oltre ducento volontari e commercianti di Santa Viola. Un’impresa straordinaria. Dalle 19 fino alle 24, ci sarà la prima edizione della “Notte Viola” festa di strada in programma sabato 17 maggio nel cuore del Quartiere Reno. In cabina di regia l’associazione sportiva dilettantistica “Corri con Noi”, con la collaborazione del Quartiere e Confcommercio Imprese per l’Italia Ascom della provincia di Bologna. Il programma di eventi , non-stop per l’intera giornata, offre un torneo di tennis, bocce, orienteering, esibizione di football americano con i Doves Bologna, giochi per bambini, musiche e canzoni di Macondo, “truccabimbi”, scambio di figurine Panini, vendita di frutta e verdura a chilometro zero di produzione locale, ristoro con menù bolognese e crescentine. Perchè “Santa Viola è Bologna”. Leggi il seguito di questo post »