Bologna per lo sport


In cammino, destinazione Bologna

b8737aa873Ci mettiamo in cammino. Nasce formalmente la ‘Destinazione Turistica Bologna Metropolitana’. Il Sindaco di Bologna Virginio Merola ha deciso di delegarmi in modo permanente quale presidente del Comitato che esprimerà tutti gli orientamenti relativi alle attività inerenti la Destinazione turistica. Inizia una nuova stagione per il turismo bolognese. La nostra priorità sarà promuovere un unico paesaggio urbano dall’appennino alla pianura, un patrimonio di natura, cultura ed esperienze uniche. Il Comune capoluogo sarà a servizio di questo progetto e porta di accesso per tutta la regione. La Conferenza metropolitana dei sindaci ha dato il via libera ieri al ‘Regolamento per lo svolgimento e l’organizzazione della Destinazione turistica’ che ora passerà in Commissione mercoledì prossimo e sarà poi votato dal Consiglio metropolitano entro il mese. Con questo passaggio prende vita la struttura dove saranno chiamati ad operare gli enti locali interessati alle attività di valorizzazione turistica del nostro territorio, i Presidenti delle Unioni dei comuni. Da ieri, siamo partiti per un nuovo cammino, un nuovo racconto. Quello che canta Bologna quale terra grande e straordinaria, ricca di autenticità, diversità e bellezza. Una terra dove la luce del sole attraversa i boschi e accarezza i rami degli alberi, lambisce le torri medioevali, corre lungo le cavedagne e le strade trafficate, scopre i teatri di oggi e gli scenari di un tempo che rivivono nella memoria delle generazioni. Un mondo dove le tecnologie e i mestieri rappresentano ancora un legame con la storia e la tradizione, facendo sognare e riflettere, dove l’autenticità rappresenta il più prezioso sengno di attrazione per i viaggiatori. Nei prossimi anni, insieme, non ci limitaremo a celebrare questo amore ma lo difenderemo tenendo unite le nostre comunità.

Leggi il seguito di questo post »


Fondi Strutturali: incontro con la Commissione Europea

Eurocities Family PhotoLa scorsa settimana le città membre del board esecutivo di Eurocities e le città alla guida dei forum tematici hanno incontrato a Brussells la Commissione Europea. Agli incontri, svolti tra il 28 febbraio e l’1 marzo hanno preso parte i Sindaci e gli Assessori rappresentanti delle principali città europee tra le quali Bologna. In qualità di Presidente del Forum Cultura della rete Eurocites, ho avuto l’opportunità di partecipare all’Executive Board che si è riunitò l’1 marzo alla presenza del Commissario europeo Jhoannes Hahn, responsabile per le Politiche Regionali e Urbane. Il Commissario ci ha illustrato lo stato del dibattito tra le istituzioni europee e i governi nazionali relativo alla bozza di regolamento per il nuovo ciclo dei fondi strutturali 2014-2020. In particolare, ci siamo confrontati sul ruolo che l’attuale bozza di regolamento proposto dalla Commissione riserva alla dimensione urbana, assicurando alle città un 5% dei fondi FESR e altre misure prioritarie. Leggi il seguito di questo post »


Fondi Strutturali e Politica di Coesione 2014-2020: la consultazione delle città

fondiIl 26 febbraio ho partecipato a Roma, all’incontro di consultazione pubblica per la definizione degli strumenti di programmazione della nuova politica di coesione europea 2014-2020. Convocato da ANCI nazionale, alla riunione con i rappresentanti del Dipartimento Politiche di Sviluppo guidato dal Ministro per la Coesione Fabrizio Barca, erano presenti le principali città italiane. Il confronto è stato richiesto da Comuni per fare il punto sullo stato della programmazione nazionale e comunitaria in materia di fondi struturali, alla luce di un ruolo maggiore delle città nella strategia europea. In particolare, abbiamo considerato necessario premere affinchè il prossimo Governo attivi finalmente un programma nazionale per le città, un’Agenda Urbana che guidi la gestione dei fondi diretti alle città così come previsto dalla bozza di regolamento comunitario sui prossimi fondi. Leggi il seguito di questo post »


Smart City: 700 mln di euro per le città intelligenti del Centro Nord

Sono appena tornato da Torino, dove ho partecipato al convegno ANCI dedicato alle Smart Cities. All’assemblea hanno preso parte sindaci e amministratori degli 8 mila comuni italiani, insieme a un panel di importanti imprese attive nel mercato ICT, dell’innovazione urbana e sociale.  Quello delle “Smart cities” è un obbiettivo della Commissione Europea e del Governo italiano,  un tema orizzontale nelle nostre vite. Le applicazioni “smart” portano innovazioni e risparmi notevoli, anche per questo come città di Bologna abbiamo deciso di introdurre una delega ad hoc in Giunta e avviare la costituzione di una Piattaforma bolognese per la Smart City; piattaforma che vogliamo coinvolga l’Università, le imprese e le istituzioni locali. Quali opportunità ci sono? intanto il prossimo programma dei fondi strutturali europei sarà trasversalmente dedicato alle soluzioni Smart, per tutte le politiche (rigenerazione urbana, mobilità, agenda digitale, sanità, formazione ecc…), in secondo luogo il Ministro Profumo ha annunciato oggi che è in uscita un bando da 260 milioni di euro per le Regioni del Mezzogiorno e un secondo bando, che probabilmente sarà pubblicato prima dell’estate, rivolto alle regioni del centro nord. Un bando, quest’ultimo, pari a 700 mln di euro e sempre rivolto allo sviluppo delle città intelligenti. L’input è che le aree metropolitane sono il vero luogo dell’innovazione. Leggi il seguito di questo post »


E’ arrivato il momento del Piano Stretegico: carpe diem

Il 24 Ottobre appena trascorso, dalla sala del Consiglio Provinciale, le isituzioni e le forze economiche e sociali bolognesi hanno dato il via al percorso del Piano Strategico metropolitano. Il Sindaco Merola e la Presidente Draghetti sono intervenuti per chiarirne gli obbiettivi e rimarcare che tutto ciò servirà ad individuare pochi e chiari progetti condivisi per il futuro dell’area metropolitana di Bologna. Mi sembrava giusto riportare qui l’intervento del Sindaco che bene ha riassunto i nostri intenti. Prima di farlo, però, vorrei chiarire brevemente, alcuni aspetti che ho visto emergere in questi giorni nelle pagine dei giornali. Il Piano Strategico rischia di produrre solo documenti e niente soluzioni nuove? il Piano Strategico non interviene sull’emergenza crisi e occupazione?  Dipende da noi. Leggi il seguito di questo post »