2′ Festival Una città con te, 15-17 giugno

Dal 15 al 17 giugno presso il Centro Montanari nel cuore della Bolognina, abbiamo organizzato la seconda edizione del Festival di ‘Una città con te’, l’associazione nata dopo le elezioni amministrative del 2016. ‘Una città con te’ è una comunità, un percorso di ascolto e partecipazione per disegnare il futuro di Bologna. Con la nascita del nuovo governo di Lega e M5S, di fronte al populismo e allo stato di campagna elettorale permanente, pensiamo sia urgente ritrovarci per ricominciare. Per questo abbiamo invitato rappresentati di esperienze e punti di vista da altre città: Milano, Lecce, Barcellona, la Sardegna. Saranno con noi, il Sindaco di Lecce Carlo Salvemini, l’Assessore alla Cultura Antonella Agnoli; l’assessore alla Cultura di Milano Filippo Delcorno; Eric Barcena, direzione Barcelona en Comú; Beppe Caccia, già Assessore Comune Venezia; Paolo Gandolfi, già parlamentare e assessore da Reggio Emilia; Renato Soru, imprenditore e fondatore di TISCALI. Insieme a molti altri ospiti, ci occuperemo di lavoro, cultura, spazi, municipalismo, cittadinanza attiva, accessibilità, mobilità sostenibile. ‘Come fare bene’ è il tema di questa seconda edizione, che prosegue nell’obiettivo di aprire spazi di confronto civico. Leggi il seguito di questo post »


Le due anime di Bologna e il cammino

wIeri sera ho promosso un primo incontro con persone, spesso silenziose, interessate a condividere un percorso e una visione per la città. Ci siamo ritrovati per rendicontare il mio operato di questi anni e riflettere su come continuare a cambiare Bologna insieme, collaborando attorno a progetti e iniziative. Il tempo per visitare spazi di imprese tecnologiche, fablab e coworking più avanti verrà, in questi quattro anni e mezzo infatti mi sono molto dedicato ai temi dell’innovazione, ma per la partenza di questo nuovo viaggio sentivo l’esigenza di uno luogo popolare, autentico, con radici ben piantate in terra. Una casa del Popolo. Uno spazio semplice, che nel quartiere Saragozza rappresenta la politica di prossimità. Un luogo di partecipazione e appartenenza. L’obbiettivo della serata era realizzare un Noi, perciò attraverso il passaparola abbiamo invitato persone accomunate da un metodo collaborativo e da un’instancabile voglia di presente e di futuro. Una catena che alla fine ci ha portato ad essere oltre duecento, segno che a Bologna la voglia di mettersi in gioco per la propria comunità non manca. In fin dei conti, le persone sono quello che fanno ed è sul fare che si basa la loro reputazione e la capacità di costruire legami di fiducia. Leggi il seguito di questo post »