Intervista sul PD, il Congresso e le Primarie per Orlando

Domenica, Andrea Orlando è stato chiaro dalla pagine de Il Messaggero: “Dobbiamo concentarci su un programma di uguaglianza e di forte redistribuzione del reddito. Questo è l’asse attorno a cui costruire le alleanze. Non possiamo più allearci con pezzi di destra”. L’elettorato deve percepire l’identità e il posizionamento politico del PD, in questa fase storica nella quale tanti cittadini italiani faticano a comprenderlo (o vogliamo fare finta di nulla?). Questo è anche il punto politico che ho posto con chiarezza nella mia intervista al Corriere di Bologna uscita domenica scorsa e che pubblico in questo post (i titoli dei giornali non si scelgono e un titolo gridato non cambia i contenuti). Penso di avere espresso una posizione legittima e di non avere fatto altro che sottolineare la percezione di tanti elettori delusi, non solo del Pd. Come ho detto, sono iscritto al Pd e continuerò a rimanere tale, impegnandomi affinché in questo congresso ci si confronti con lealtà sul merito e su posizioni politiche. Mi auguro che alle primarie del 30 aprile prossimo vengano in tanti e tante. Non dobbiamo bastare a noi stessi, infatti, ma convincere che dentro al nostro partito le posizioni politiche possono essere plurali, che c’e’ possibilità di dire quello che si pensa e di fare battaglie per il posizionamento politico del partito, in altre parole: un congresso vero. Leggi il seguito di questo post »