LE LUMINARIE DI LUCIO DALLA PER L’ONCOLOGIA DEL SANT’ORSOLA

Screen Caro amico ti scrivoCi siamo. E’ stato un anno magico per Bologna e il progetto delle luminarie dedicate e a Lucio Dalla in via D’Azeglio. Milioni di condivisioni sui social e fotografie. Una visibilità che ci ha travolto ma che conferma l’amore della nostra città e del nostro paese per Lucio. Ora l’istallazione artistica andrà all’asta per sostenere il reparto di oncologia del policlinico Sant’Orsola. Il Consorzio dei commercianti di via D’Azeglio, in collaborazione con il Comune di Bologna, ha deciso di mettere all’asta – in collaborazione con Sotheby’s e con la Galleria d’Arte Maggiore – durante una cena di beneficienza a Palazzo Re Enzo, le luminarie con le frasi della canzone “L’anno che verrà” di Lucio Dalla che, nel quarantennale del brano, hanno arricchito – dalle festività natalizie ad oggi – la strada. L’intero ricavato andrà alla Fondazione Policlinico Sant’Orsola per il progetto “Un luogo che cura”, a sostegno dell’Oncologia medica dell’ospedale di Bologna.

Leggi il seguito di questo post »


CITTÀ DELLA MUSICA PER L’ARTE DI STRADA, NUOVE REGOLE

ARTISTIBologna, a cui l’Unesco ha riconosciuto il titolo di città creativa della musica, sceglie di valorizzare l’arte di strada nel rispetto del contesto delle piazze e delle vie nelle quali storicamente viene esercitata questa attività. Per tutelare gli artisti e consentire una loro più equilibrata distribuzione sul territorio, garantire il diritto al silenzio e la cura delle aree più frequentate, in particolare nel cuore della città, la giunta di Virginio Merola, su proposta mia (in qualità di Assessore alla Cultura) e dell’assessore Alberto Aitini (commercio e sicurezza urbana integrata) ha approvato una nuova proposta per regolamentare e promuovere l’attività di artista di strada. Non è la prima volta che interveniamo su questo fronte, avendo da alcuni anni aperto un tavolo con gli artisti che frequentano la città, i residenti e le imprese della zona via Indipendenza, Rizzoli e Ugo Bassi, cioè la cosidetta T. La scena artistica bolognese è nel mentre mutata, nuovi protagonisti si sono affacciati e vi era la necessità di un maggiore coordinamento per evitare sovrapposizioni. Questa scelta è finalizzata a promuovere l’arte di strada, aprendo maggiori spazi anche alle attività prive di impatto sonoro. Allo stesso tempo, come in altre città europee, pensiamo sia interessante dare valore alla musica di qualità nel cuore di Bologna.

Leggi il seguito di questo post »


GIANNI MORANDI AL DUSE CON SEDICI CONCERTI

Morandi“Stasera gioco in casa – Una vita di canzoni”. Questo il titolo del nuovo progetto artistico di Gianni Morandi: 16 concerti, un solo palcoscenico, l’abbraccio del suo pubblico con il quale condividere ricordi, emozioni e soprattutto grande musica.
Sarà il Teatro Duse di Bologna ad ospitare, dal primo novembre, le 16 serate (12 in programma fino a dicembre 2019, più altre 4 nel 2020) nelle quali Gianni canterà, in forma acustica, i brani che hanno conquistato intere generazioni, ma racconterà anche i momenti più importanti della sua vita, gli aneddoti, gli incontri, le sfide e i sogni. Bologna è Città Unesco della Musica e questo progetto ci onora perché crea entusiasmo e avvicinerà tanti giovani alla musica in teatro.

Leggi il seguito di questo post »


Bologna Estate: libri, via Zamboni, i 300 scalini, La Repubblica delle idee

Bologna Estate foto Dire-2.jpgSono intervenuto ieri a Radio Città del capo intervistato nel corso del programma Piper. Insieme a Massimo Colletti, abbiamo parlato di Bologna Estate 2018 e del patto cittadino per promuovere la lettura. Il 18 giugno prossimo nel foyer del Teatro Comunale inviteremo tutte le realtà pubbliche e private della città per condividere questo percorso e per creare un’agenda di impegni. Vogliamo rafforzare l’investimento del Comune nelle 17 biblioteche pubbliche che ci sono in città, con nuove assunzioni e nuove risorse. Un milione di euro nei prossimi due anni,  provenienti dai fondi europei, da mettere nelle biblioteche e nel contrasto alle povertà educative. Oggi le biblioteche per fare programmazione nei quartieri hanno budget zero e noi intendiamo rafforzare questi luoghi che sono sempre di più un punto di riferimento sociale fondamentale. Ma sono anche altri i temi affrontati a Piper, da cosa significa occuparsi di cultura in una città come Bologna, al programma di via Zamboni e La Repubblica delle idee. Leggi il seguito di questo post »


Risanato il Bilancio del Teatro Comunale

immagini.quotidiano.net Un risultato storico, quello presentato dal Consiglio di indirizzo del Teatro comunale di Bologna, riunitosi oggi sotto la presidenza del sindaco Virginio Merola: il bilancio di esercizio 2017 si chiude con un attivo di 210.000 euro. Una chiara inversione di tendenza rispetto a una situazione di dissesto economico-finanziario che si protraeva da molti anni. “Siamo molto orgogliosi di aver raggiunto questo importante risultato, frutto di un lavoro costante e scrupoloso su tutte le voci di bilancio – dice il Sovrintendente Fulvio Macciardi – centrando l’obiettivo imposto dal piano di risanamento”. Leggi il seguito di questo post »


Piazza Verdi e la maledizione dei Bentivoglio

9708008.jpgSta facendo molto discutere la costruzione di una installazione a forma di torre in Piazza Verdi a Bologna, montata in occasione del progetto Winter Village. E se fosse una provocazione? L’intervento temporaneo durerà fino a febbraio e ospiterà numerose inizative a partire dalla prossima settimana, un programma di eventi e incontri dedicati al recupero della zona universitaria. Si tratta di una nuova tappa del percorso avviato già l’estate scorsa, alla quale seguirà entro marzo un bando-concorso di idee per andare ancora oltre. Architetti, progettisti, operatori culturali dunque ora tocca a voi, accettate la sfida? intendete misuravi con la difficile quedtione di proporre una modalità di gestione dello spazio pubblico e della socialità in grado di migliorare la vivibilità e l’offerta culturale dell’area? o anche voi avete paura della maledizione dei Bentivoglio? Su questo sono intervenuto ieri mattina in Consiglio Comunale per rispondere alle domane dei consiglieri d’opposizione. Di seguito la mia risposta, qualche dettaglio in più sul percorso che stiamo portando avanti e cosa c’entrano i Bentivoglio. Leggi il seguito di questo post »


La musica di Bologna nel mondo

Bologna International Opera Academy, Masterclass dedicato allo studio dell’Opera.

La musica di tutto il mondo parte e arriva a Bologna città della musica Unesco. Anche quest’anno attraverso un bando comunale, sono stati selezionati 19 progetti di internazionalizzazione musicale ritenute più meritevoli su un totale di 52 domande pervenute. Il bando da 50 mila euro aveva il compito di aiutare musicisti, artisti e operatori a presentarsi sul piano internazionale, oppure in grado di accogliere artisti provenienti dalle altre Città Creative della Musica Unesco. Le proposte sono state valutate tenendo conto della qualità del progetto in relazione a creatività e innovatività, della fattibilità tecnica ed economica, della rappresentatività del territorio bolognese. Sono stati inoltre privilegiati i rapporti internazionali già intrattenuti dalla città e le iniziative di scambio con sedi ospitanti prestigiose e idonee a sostenere la notorietà di Bologna come città creativa, per la prima volta a livello metropolitano. Ritengo questa nostra misura molto valida e penso sarebbe importante fosse mutuata dalla Regione Emilia-Romagna attraverso la prossima legge sulla Musica che la Giunta Bonaccini e l’Assessore Mezzetti hanno deciso di promuovere. Di seguito i progetti vincitori e le destinazioni.

Leggi il seguito di questo post »