Il nuovo campo al Pala Dozza di Bologna…e non solo

132011276-e965b3fe-7731-4043-b65c-426eb00da370

Pensate quello che volete ma per me il nuovo campo è una figata. Da oggi il Palazzo dello Sport di Bologna ha un nuovo parquet, realizzato per ospitare partite di basket, eventi sportivi, culturali e manifestazioni. La superficie del parquet adesso è maggiore, ricopre l’intero ovale del PalaDozza, questo permette di poter ospitare qualsiasi disciplina sportiva, soprattutto quelle che necessitano spazi maggiori rispetto al basket, anche a livello internazionale. Il parquet appena installato, adeguatamente coperto, consente di supportare carichi maggiori rispetto a quello precedente, permettendo dunque il montaggio di qualsiasi tipo di palco. Prossimo appuntamento con la storia del ‘Madison’ giovedì 19 aprile alle ore 20.30 al PalaDozza per la prima proiezione – gratuita – del docufilm “Tutto il Palazzo – Bologna 2156: ritorno a Baket City. La grande storia del PalaDozza”. Un film di Emilio Marrese e Paolo Muran, con Vito e Bob Messini, prodotto da Muran Doc, in collaborazione con Futura Films e WildLab. Alla serata parteciperanno campioni e artisti che hanno fatto la storia del PalaDozza. Un lavoro che anticipa nei contenuti, quanto sarà possibile vedere nel Museo digitale del basket che sarà realizzato proprio a Palazzo entro il 2019.

Leggi il seguito di questo post »


Expo Bologna 2019 floricoltura

expo-pillati-caccioni-segre-primori_articoloBologna si è aggiudicata lunedì un importante successo: il comitato organizzatore dell’International Horticultural Exposition, l’Expo tematico dedicato al mondo del florovivaismo e dell’orticultura, riunito a Ratingen nei pressi di Düsseldorf e dove per il Comune era presente la vicesindaco Marilena Pillati, ha infatti annunciato che Bologna è stata selezionata per ospitare e organizzare l’edizione del 2019. I temi proposti dalla candidatura bolognese sono la rigenerazione urbana e l’agricoltura urbana. Una scelta dettata dalla consapevolezza che la più grande sfida del secolo consisterà nella trasformazione delle città e delle aree urbane secondo la logica della sostenibilità e della resilienza. Le parole chiave della candidatura bolognese sono state: “Grow Green, Eat Green, Live Green” (Crescita, alimentazione e stili di vita sostenibili).

Leggi il seguito di questo post »


Radio Bruno Estate

DATA-4-gran-finale

Prendo carta e penna (si fa per dire) per intervenire sulla questione relativa al concerto finale di Radio Bruno Estate in Piazza Maggiore, il prossimo 4 settembre. Un evento popolare e apprezzato da migliaia di persone, me compreso. Un evento che ogni anno si ripete a Bologna, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Non è mio costume essere impulsivo, però al signor Prandi una risposta la devo dopo avere letto i giornali di questa mattina. E’ vero ed è corretto ammetterlo, c’è stato un errore da parte del Comune in questi giorni. Un ufficio, senza consultare gli Assessori delegati, ha inviato una email a Radio Bruno esprimendo un parere negativo rispetto al concerto. E’ stato fatto in buona fede, ma sbagliando, pensando che l’allestimento e l’evento non fossero compatibili con la programmazione della Piazza. Raggiunto personalmente al telefono da una dipendente della Radio che mi informava del tutto il giorno successivo, mi sono adoperato per capire cos’era successo e d’intesa con l’Assessore Gambarelli abbiamo instradato il percorso per consegnare doverosamente la pratica alla Sovrintendeza per un parere definitivo. Come accade per tutti gli eventi, senza privlegi nè penalizzazioni. Tutto ciò entro 48 ore da quando ho ricevuto la telefonata dalla dipendente di Radio Bruno. Peccato, devo dirlo, che allo scoccare di quella telefonata fosse già partito il classico articolo sul giornale, al quale oggi si aggiungono nuove amarezze, concluse con l’altrettanto classica affermazione se non ci volete andiamo altrove, a Carpi, tanto manco ci pagate. Leggi il seguito di questo post »


Cerchiamo emozioni e la magia nasce dalla gente / intervista a La Repubblica

“A Bologna serve un segno identitario. Un marchio che la renda riconoscibile. E quel segno saranno i suoi 42 chilometri di portici”. Non sarebbe nuova, quella dei portici, a dire il vero. Questi però sono i portici del futuro. Ripuliti, restaurati, videosorvegliati, dotati di wifi, promossi su diverse piattaforme per lanciare l’e-commerce delle botteghe artigiane, eletti a patrimonio dell’Unesco, “se non quest’anno, uno dei prossimi”. Matteo Lepore pensa in grande, e punta sulla promozione di quello che di più bolognese non c’è, per far decollare la città. L’assessore al marketing territoriale ha già riunito una cabina di regia con Camera di Commercio e Fondazioni, e in tasca ha il “tesoretto” da un milione di euro della tassa di soggiorno, una parte dei circa 1,8 milioni sulla riqualificazione territoriale stanziati dalla giunta, e un’altra dei 5,5 milioni di fondi regionali per la rigenerazione urbana. Leggi il seguito di questo post »


Gay Pride nazionale giugno 2012 a Bologna

Da ieri è ufficiale che il Gay Pride edizione 2012 si svolgerà a Bologna in giugno. Penso sia un risultato importante, che porterà molta persone nella nostra bella città. Sapremo accoglierle nel modo migliore. Insieme al Il Cassero abbiamo già avviato un tavolo di lavoro per studiare il percorso e una serie di eventi culturali correlati nel periodo. Un test per la giunta Merola? Si’ ma solo logistico…non credo ci saranno polemiche. Leggi il seguito di questo post »