Nasce Salaborsa Lab di Vicolo Bolognetti

La biblioteca Ruffilli diventerà Salaborsa Lab di vicolo Bolognetti. È stato pubblicato oggi il bando per progettare i nuovi spazi di quella che diventerà la sede distaccata di Salaborsa. La biblioteca avrà una nuova vocazione con laboratori e percorsi multidisciplinari su ricerca e sperimentazione nel campo della lettura, attraverso l’utilizzo di molteplici linguaggi e tecnologie come gaming, coding, robotica, fablab.
È inoltre in via di definizione il progetto per trasferire dalla Cineteca di Bologna in vicolo Bolognetti i servizi, le attività e l’archivio videoludico.

Leggi il seguito di questo post »

Un bando per la Casa Gialla in Montagnola

La riqualificazione della Montagnola è una della cose di cui vado più orgoglioso. In questi ultimi anni, sono tornate le famiglie, gli sportivi, gli eventi culturali grazie al contributo di tante e tanti. Ora si prosegue e si rilancia. Il Dipartimento cultura ha appena pubblicato un nuovo bando per la concessione gratuita dell’ex Casa del Custode della Montagnola, conosciuta anche come Casa Gialla.

Leggi il seguito di questo post »

Il Modernissimo tornerà a vivere

Quello in basso a destra è Martin Scorsese in una foto che ho scattato due anni fa da un gradino mentre scendevamo insieme nel cantiere del Nuovo Cinema Modernissimo a Bologna. Voleva vedere le pietre originali della millenaria via Emilia.

Leggi il seguito di questo post »

Sosteniamo i lavoratori della cultura

Come Dipartimento Cultura del Comune di Bologna stiamo facendo il massimo per sostenere i musicisti e gli operatori del settore in questo momento, e vogliamo continuare anche lottare per ottenere una legge nazionale sul lavoro culturale.
Nel frattempo, siamo la città italiana che ha chiuso il primo bando a sostegno delle produzioni musicali, assegnando 200 mila euro di contributi. Oggi abbiamo comunicato la selezione di 46 operatori musicali sui 207 progetti arrivati. In particolare: 14 proposte da etichette musicali, 11 da agenzie di management, imprese e professionisti e 21 da soggetti del terzo settore.

Leggi il seguito di questo post »

LE RISORSE DEL CAPODANNO PER CHI LAVORA NELLA CULTURA

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Un aiuto concreto ai lavoratori della cultura e della creatività arriverà dal Comune di Bologna che ha stanziato 230.000 euro ulteriori, rispetto alle cifre inserite nell’avviso destinato al sostegno delle nuove produzioni in ambito musicale (130.000 euro in più) e al bando INCREDIBOL! (100.000 euro in più). Fondi recuperati dalle minori spese sostenute per l’organizzazione del Capodanno e degli eventi natalizi non realizzabili nel rispetto delle misure di contenimento imposte dalla pandemia del Coronavirus.

Leggi il seguito di questo post »

“VOGLIO UNA BOLOGNA GRANDE”

Ho rilasciato un’intervista a Elisa Toma, Master in giornalismo dell’Università di Bologna. Abbiamo parlato di molti argomenti, dai progetti su cui sto lavorano al futuro della città. E’ stata pubblicata su “Quindici”, il quindicinale del Master in giornalismo. La condivido con voi.

“Non dichiara di candidarsi ma per molti osservatori è al primo posto tra chi potrebbe succedere a Virginio Merola. Da Palazzo d’Accursio, l’assessore Matteo Lepore parla della città che amministra e di quella che immagina. Una Bologna green che punti sulla cultura e sulla scienza. Per scegliere il candidato sindaco auspica le primarie di coalizione e al Pd consiglia di rimboccarsi le maniche per tornare a rappresentare una sinistra coraggiosa. Definisce la destra “smoderata” e non teme un nuovo assalto. Ma parla anche del nonno socialista e della musica che ascolta: dai Nirvana ai Radiohead fino a Liberato.

Foto di Chiara Marchetti
Leggi il seguito di questo post »

La cultura vive nelle città: aiutiamole a ripartire

Rassegna-1La cultura vive nelle città: aiutiamole a ripartire.

Insieme ad altri 12 assessori alla cultura delle città italiane abbiamo scritto una nuova lettera aperta indirizzata al Governo, nella quale chiediamo sostegno concreto al settore e misure nell’emergenza. Pubblicata oggi sul Corriere della Sera.

In queste settimane abbiamo ricevuto tanti messaggi dal mondo degli artisti, musicisti, attori, operatori e da coloro che anche a Bologna lavorano in uno dei settori colpiti dalla crisi Covid19.

Insieme agli altri 12 colleghi assessori alla cultura pensiamo serva un piano strategico nazionale di rilancio. Priorità: lavoro e città.
Leggi il seguito di questo post »


Per la cultura si apriranno nuovi scenari, serviranno innovazione e coraggio

lepore agcultCondivido l’intervista di AgCult sulla cultura a Bologna.

Coronavirus, Lepore: Per la cultura si apriranno nuovi scenari, serviranno innovazione e coraggio

L’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Bologna: Il 2021 sarà l’anno della ripartenza, utilizzare i prossimi mesi per costruire idee e progetti.

Diritti dei lavoratori, cultura online e sviluppo digitale. Sono alcuni dei temi che l’emergenza coronavirus ha posto sul tavolo nelle ultime settimane e che aprono scenari a cui non eravamo abituati. Se l’Italia li saprà affrontare in maniera attiva e innovativa potranno rappresentare, una volta terminata la crisi, un’occasione di rilancio per il nostro Paese. Ne è convinto Matteo Lepore, assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Bologna, che ne ha parlato in un’intervista ad AgCult.
Leggi il seguito di questo post »


Cultura, l’appello per un reddito d’emergenza

foto postServono un reddito di emergenza e misure più accessibili per i lavoratori autonomi. Per la Cultura e non solo.

Come Assessori alla Cultura delle grandi città italiane abbiamo avuto uno scambio con il Ministro alla Cultura Franceschini e al Lavoro Catalfo, su due aspetti che riguardano nell’immediato molti lavoratori, anche della cultura, e per il futuro sulla richiesta di una misura generalizzata. Al momento sono ancora tante le persone scoperte dai provvedimenti del Governo.
Leggi il seguito di questo post »


Covid19, un piano per salvare la cultura

assessori giusta

Serve un Piano per salvare anche la Cultura, per dare il senso di un nuovo inizio.
Lunedì 30 marzo una delegazione di miei colleghi assessori alla cultura delle città italiane ha incontrato in videoconferenza il ministro Dario Franceschini. A lui e al Governo avevamo rivolto un appello sottoscritto da migliaia di amministratori e operatori culturali.
Abbiamo discusso una strategia di rilancio e chiesto modalità di supporto a tutti i lavoratori e le lavoratrici del settore, alla micro e piccola impresa culturale, l’avvio di un tavolo per la rinascita e nuove misure di defiscalizzazione per le donazioni.

Leggi il seguito di questo post »