Grazie I love Bolognina e avanti con Albani!

20140009_1992006697477956_9052425979779971482_nUn sentito grazie ai volontati di I Love Bolognina insieme ai quali ieri abbiamo pulito i muri di via Fioravanti, dalla Stazione a via Gobetti (!!!). Una giornata come le altre per un gruppo ormai molto ampi di cittadine e cittadini, mobilitati grazie all’impegno delle Cucine popolari, di Auser, del Quartiere Navile, del Centro sociale Katia Bertasi e di tanti altri attori del territorio. Un anno fa a settembre ero in strada con i commercianti della Bolognina per scongiurare un’ennesima escalation di criminalità. A quasi un anno esatto, sono stati molti gli interventi dell’Ammistrazione in zona e benchè ancora tanto ci sia da fare, i miglioramenti nel campo della sicurezza si notano grazie al presidio quotidiano delle forze dell’ordine. Dopo avere pubblicato recentemente un bando per sostenere commercianti e artigiani che si dotano di sistemi di sicurezza, in Giunta abbiamo approvato da pochi giorni il progetto di riqualificazione e miglioramento dell’arredo urbano del mercato di via Albani con un investimento di 70.000 euro. Il mercato rionale, cui è stata riconosciuta la qualifica di “mercato storico”, ha bisogno di interventi di miglioramento per rendere più gradevole l’aspetto dei box e più ordinato il contesto urbano in cui sono inseriti. Infine, il 17 luglio prossimo sera ci sarà il secondo incontro del Laboratorio sugli spazi della Bolognina. Leggi il seguito di questo post »


Il Natale e le periferie

conad

il 24 dicembre con i residenti del Fossolo 1

Questo Natale ci sono molti buoni motivi per guardare alle tante periferie della nostra città, quelle geografiche, quelle dell’anima. Le storie che Bologna è in grado di raccontare sono quasi infinite, lo sappiamo. Vicende cariche di drammi e di gioia, di luci e di ombre, di speranza e di rassegnazione. Forse sto invecchiando anch’io, ma in questi giorni ritrovo in ognuna di esse un valore comune, un fattore che può fare la differenza nella nostra ricerca di futuro. La voglia fottuta di non lasciarsi andare, di non sentirsi soli, impauriti come siamo di smarrire la strada, di perdere quanto di buono abbiamo costruito in una vita. Lontane dai riflettori ci sono tante storie comuni che sicuramente meritano di essere raggiunte, in questa grande città, che ora ci piace chiamare metropolitana, ma dove sento tagliare le radici e sradicare i legami, mentre avanza il concetto di periferia. Non è di malinconia che sto farneticando, ma della voglia di essere una comunità che ancora ci preme, ne sono sicuro. Questo Natale andiamo in periferia per ritrovare noi stessi. Ecco alcune tappe che vi propongo. Leggi il seguito di questo post »


Un Programma per le periferie di Bologna

Virginio al virgolone del Pilastro

In occasione della prima Festa della Collaborazione Civica del 16 maggio, il Sindaco di Bologna Virginio Merola proporrà di stanziare 10 milioni di euro per un Programma Quartieri appositamente dedicato alla vivibilità delle periferie della città. Il programma sarà guidato direttamente dal Sindaco di Bologna. Da maggio a settembre si svolgeranno incontri di partecipazione e coinvolgimento dei 9 Quartieri cittadini per definire insieme alla cittadinanza e al mondo associativo, quali interventi svolgere e sostenere. Il Programma sarà finanziato attraverso l’utilizzo di fondi comunali ed europei. Analogo percorso il Sindaco Virginio Merola lo proporrà ai Sindaci dell’area metropolitana per i fondi europei assegnati alla Città metropolitana.

Leggi il seguito di questo post »


La Prima Festa della Collaborazione Civica

Salvatevi la data del prossimo 16 maggio perchè il Comune di Bologna promuoverà la prima “Festa della Collaborazione Civica”. Una giornata dedicata a festeggiare lo spirito di Bologna, che in molti ormai chiamano “collaborazione civica”, con l’obiettivo di chiamare a raccolta i tanti bolognesi che ogni giorno si attivano per rendere la nostra città più bella e vivibile. La Collaborazione per il bene comune, lo sappiamo, è ciò che l’ha sempre resa speciale e diversa. In ogni campo e di fronte ad ogni ostacolo, noi i problemi li affrontiamo così, collaborando insieme. Collaborazione come antitesi alla separazione e all’individualismo, la partecipazione del fare insieme per il bene comune, l’impegno civico per la cura e la valorizzazione condivisa del bene comune. Stiamo parlando del motore che ogni anno muove migliaia di cittadini bolognesi e li spinge ad inventare soluzioni ai problemi della comunità, attraverso appunto il fare insieme e l’innovazione sociale. Leggi il seguito di questo post »


CampiAperti: patto di collaborazione per la sovranità alimentare

Il Comune di Bologna e l’Associazione CampiAperti firmeranno un patto di collaborazione il prossimo 10 Aprile, dedicato alla gestione condivisa di un bene comune. La Giunta comunale ha infatti approvato questa scelta ieri dopo alcuni mesi di dialogo. Sono molto soddisfatto. Questo è il primo patto sui beni comuni che sottoscriviamo nel campo della produzione agricola e del commercio di prodotti della terra. La proposta di collaborazione presentata dell’associazione prevede la valorizzazione di diverse aree della città attraverso l’allestimento di mercati contadini diretti e bio, con prodotti in larga parte (minimo l’80%) provenienti dalla nostra regione. In oggetto c’è la prosecuzione dei mercati settimanali del Vag61 (in via Paolo Fabbri), quello all’XM24 (via Fioravanti) e quello di Savena (via Udine), davanti alla Scuola di Pace, ai quali si aggiunge un nuovo mercato in Zona Universitaria sotto i portici di piazza Scaravilli, ogni lunedì pomeriggio, a partire da maggio (quando le ciliegie saranno mature) . Da parte dell’Amministrazione con questo atto si intende riconoscere l’esperienza di Campi Aperti e il suo impegno per la sovranità alimentare, l’obiettivo di produrre rifiuti zero e di mettere in campo un’organizzazione partecipata dei mercati con il coinvolgimento di produttori e consumatori. Leggi il seguito di questo post »


Collaborare è Bologna, pulire i muri anche

Ha fatto molto discutere l’intervento di pulizia dei muri realizzato da un gruppo di volenterosi cittadini in via Petroni, a Bologna. Si sono scontrati con le regole del decoro urbano, quel decoro che la Sovrintendenza è tenuta a far rispettare per legge, non senza difficoltà. Il Resto del Carlino ha rilanciato questo caso raccogliendo varie opinioni, tra cui la mia. A questo proposito pubblico di seguito la mia intervista. Sono convinto che questi cittadini vadano premiati, non certo puniti, ma non farei di questo episodio un pretesto per alimentare una campagna contro le Sovrintendenze. Almeno non in questo caso. Ci sono tanti elementi critici su questo fronte, ma nella fattispecie devo dire che con la Sovrintendenza abbiamo condiviso e fissato alcune modalità di intervento per pulire i muri del centro storico, rese note in un manuale a disposizione di tutti. Inoltre, come Comune abbiamo introdotto un servizio e un abbonamento per i propietari degli immobili privati (da dividere tra tutti i condomini!!!) che costa tra i 130 e i 300 euro l’anno, grazie al quale è possibile garantire una pulizia continua a chiamata. Da quando questo programma realizzato in collaborazione con HERA è partito, sono già stati puliti 10 mila metri quadrati nel solo centro storico. Dunque, se collaboriamo possiamo pulire i muri insieme. Facciamolo, come si è fatto a San Donato con “Sgura”. Senza multe, ma con la buona volontà di chi vuole prendersi cura dello spazio pubblico, magari attraverso un patto di collaborazione previsto dal nostro “Regolamento per la gestione condivisa dei beni comuni”. Leggi il seguito di questo post »


Crowdfunding #persanluca: partono i cantieri

Nei giorni scorsi sono stati affissi i cartelloni promozionali di Un passo per San Luca, sia presso l’Arco Bonaccorsi che presso l’Arco del Meloncello. Con l’apertura del primo cantiere di restauro, l’installazione dei cartelloni promozionali è un’ulteriore dimostrazione di come l’impegno profuso fino ad ora da tutti i novelli “restauratori” stia già portando risultati concreti. Inoltre, una ulteriore novità è che la rampa di accesso all’arco Bonaccorsi sarà realizzata. Il Comune ha presentato e finanziato il progetto, ora approvato anche dalla Sovrintendenza. Intanto, prosegue la raccolta fondi in collaborazione con il Comitato per il restauro del portico e le Ginger. L’ultima novità è il matrimonio tra sua Maestà il Tortellino e il portico. Lunedì 27 gennaio Un passo per San Luca ha fatto irruzione nella serata organizzata dalla RistoAssociazione tOur-tlen, con il sostegno del Comune, dedicata alla sfida tra tortellino bolognese e modenese e andata in scena a Bologna, a Palazzo Re Enzo. Nel corso della serata, proseguita tra un piatto di tortellini e l’altro, Un passo per San Luca ha avuto occasione di intervistare numerosi Chef partecipanti alla serata, tra cui anche Marcello Leoni. Leggi il seguito di questo post »