Il testo più importante che leggerete

IMG_6308“Cari ragazzi e ragazze, consegnamo nelle vostra mani il testo più importante che leggerete nella vostra vita”. Con queste parole, oggi, come ormai da molti anni, in Valsamoggia (una cerimonia orginariamente della municipalità di Bazzano) il Sindaco Daniele Ruscigno ha consegnato il testo della Costituzione italiana ai diciottenni e ad alcuni giovani che hanno ricevuto la cittadinanza italiana. Insieme a lui, la studiosa di diritto costituzionale Francesca Minni, che ha dedicato ai ragazzi un breve discorso sulla Costituzione Italiana, sui diritti e sui doveri in essa contenuti e sull’importanza di leggere, conoscere e comprenderne i contenuti, la storia e le potenzialità. Questa mattina ho deciso di esserci e di accompagnare Francesca, un’amica, perchè davvero ritengo che questa sia una straordinaria iniziativa. Cogliere l’importanza di valorizzare e diffondere la conoscenza della nostra Carta fondamentale, non è un fatto scontato. Ieri sera, ho avuto modo di parlarne anche con il Sindaco Virginio Merola e abbiamo condiviso che, dal prossimo 2 giugno, sarebbe bello che tutti i nuovi diciottenni della città metropolitana di Bologna ricevessero la Carta Costituzionale partecipando ad un appuntamento come questo, organizzato dai vari comuni del territorio, a partire dal capoluogo. A questo scopo, abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di Francesca e dei suoi colleghi studiosi di i diritto costituzionale. Dopo le elezioni, infatti, sottoscriveremo un “Patto di collaborazione” per promuovere una conoscenza critica della Costituzione e dei suoi principi, un patto per prendersi cura della Carta Costituzionale come bene comune e irrinunciabile. Leggi il seguito di questo post »


Quelli che il Turismo

Una promozione turistica nazionale e internazionale della Bologna metropolitana da un milione di abitanti e lo sviluppo dell’accoglienza turistica. Questo è quanto si prefigge il progetto di Bologna Welcome, vincitrice del nostro bando di Promozione della destinazione Bologna, presentato ieri in conferenza stampa. L’investimento complessivo è ingente: 6 milioni di euro, di cui 4,2 tra Comune e Camera di Commercio, e 1,8 milioni dalla società Bologna Welcome. E l’obiettivo è ambizioso: arrivare entro il 2020 a un incremento medio annuo di presenze nella nostra città pari al 5,2% oltre all’allungamento della permanenza media dei turisti (attualmente circa 2 giorni) attraverso l’ampliamento dell’offerta turistica. Leggi il seguito di questo post »


L’Appennino conquista Bologna

Dopo l’Albero di Natale storto che l’anno scorso ha impazzato sui social e dopo la presentazione dell’accordo sulla Via degli Dei (Bologna – Firenze), torno di nuovo sulla promozione dell’Appennino bolognese. Come Assessore al Turismo del Comune capoluogo, ho siglato un’intesa con le Unioni dei Comuni della Montagna, la Città Metropolitana rappresentata dal consigliere Massimo Gnudi e la Regione Emilia-Romagna. Domenica scorsa abbiamo presentato questo nuovo percorso all’Arena del Sole, in collaborazione con il Gal Appennino bolognese, accompagnati dalle esibizioni di Riccardo Tesi e Banditaliana e  dal “Duo Carlo Maver-Dimitri Sillato”. Grazie a questa firma, si è dato vita ad un unico gruppo di lavoro operativo tra tutte le realtà territoriali attraversate dall’Appennino bolognese con l’obiettivo di promuovere la destinazione turistica. Finalmente, l’Appennino conquista Bologna. Non era mai accaduto prima, infatti, che vi fosse la partecipazione di tutti i comuni, imolese compreso, all’interno di un unico contenitore che avesse tale scopo. Dunque ci mettiamo al servizio della Bologna da un milione di abitanti. Si tratta del primo progetto messo in campo dalla neonata Città Metropolitana. Non è un caso che si basi su cultura, turismo e paesaggio. Inoltre, è la dimostrazione che se partiamo dai contenuti e dal lavoro di squadra, è possibile lavorare bene. Abbiamo trovato un metodo ed uno spirito positivi, ora mi auguro che tutti sappiano farne tesoro. Parte di questo tesoro, si chiama Montagna bolognese, una terra straordinaria e piena di risorse, per troppo tempo lontana dai riflettori e dalle attenzioni della politica. Leggi il seguito di questo post »


Accordo Coop Costruzioni: un passo importante

Si è concluso ieri pomeriggio l’incontro del Tavolo di Salvaguardia del Patrimonio per la crisi della cooperativa di produzione lavoro CoopCostruzioni. Dopo una lunga trattativa, grazie alla mediazione delle Istituzioni è stato raggiunto un accordo che conferma la volontà dell’azienda e dei sindacati di salvaguardare l’occupazione e l’attività produttiva. Istituzioni e organizzazioni sindacali, preso atto che CoopCostruzioni non ritiene ci siano le condizioni organizzative per la proroga del contratto di solidarietà in essere, concordano con l’azienda nell’avviare un percorso di verifica per l’utilizzo di ammortizzatori sociali conservativi, compresa la cassa integrazione in deroga. Il Tavolo si è riaggiornato a martedì 24 marzo. Fino a tale giorno le parti si impegnano a non dar corso ad iniziative unilaterali. Nè sciopero nè procedura di mobilità. Si tratta di un passo affatto scontato e importante. Non l’ultimo, però, perchè il lavoro della Regione e del Governo è a questo punto essenziale per permettere al Tavolo di trovare una soluzione adeguata attraverso l’utilizzodi ammoritizzatori adeguati. Leggi il seguito di questo post »


È ora di parlare di turismo

Il turismo è un volaSchermata 2015-01-08 alle 14.54.13no di sviluppo eccezionale e un settore su cui vogliamo puntare. Per poter essere più attrattivi dobbiamo investire su due aspetti. Il primo è strategico: sviluppare una strategia che sia collaborativa, muoversi in sinergia a tutti i livelli, cittadino, metropolitano, regionale e nazionale. Il secondo aspetto è strutturale: ampliare l’offerta turistica, potenziare la digitalizzazione del settore, aumentare la qualificazione dell’ospitalità anche attraverso nuove professionalità e scuole di formazione in ambito turistico. A questi temi sono dedicati gli incontri organizzati venerdì 09/01. La mattina, presso lo Stabat Mater, la tavola rotonda “Cultura e Turismo: l’Emilia-Romagna e il Sistema Paese”, promossa dai Comuni di Bologna e Ferrara, dove interverremo io, Massimo Maisto, Vicesindaco del Comune di Ferrara con delega al Turismo, Andrea Gnassi, Sindaco del Comune di Rimini con delega al Turismo, Cristiano Casa, Assessore al Turismo del Comune di Parma, Tommaso Rotella, Assessore al Turismo del Comune di Modena. Sarà un’occasione per confrontarsi sia sul ruolo dell’Emilia-Romagna all’interno del sistema-Italia, sia sul ruolo delle diverse province all’interno della nostra Regione. L’incontro sarà aperto dal Sindaco Virginio Merola e dall’Assessore regionale al Turismo Andrea Corsini e si chiuderà con le conclusioni del Ministro Dario Franceschini, il cui decreto “Cultura e Turismo” è diventato legge il 30 ottobre.

Leggi il seguito di questo post »


Le linee POR-FESR 2014-2020: un’opportunità da cogliere insieme

Le opportunità del POR FESR 2014-2020Sta per partire il Piano Operativo Regionale dei Fondi Europei per lo Sviluppo Regionale (POR-FESR) 2014-2020, leva fondamentale per crescere e migliorare l’economia territoriale. Ieri abbiamo presentato a Bologna le novità sulla programmazione messe in campo dalla Regione a seguito del percorso “POR per fare”, in attesa dell’approvazione a gennaio da parte della Commissione Europea dell’accordo di parternariato con il nostro paese. Per promuoverlo verso tutti gli interessati (imprese ed enti locali) lo sportello Europe Direct del Comune di Bologna e gli uffici della Regione Emilia-Romagna, hanno organizzato e promosso un incontro di presentazione dei nuovi assi di intervento e delle risorse POR-FESR disponibili nei prossimi 7 anni.  All’evento hanno partecipato oltre 200 persone. Oltre a me, è intervenuta la Dottoressa Morena Diazzi, Direttore Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo della Regione Emilia-Romagna, che ha illustrato nel dettaglio priorità e obiettivi che la regione si è data all’interno degli assi di sviluppo europei.

Leggi il seguito di questo post »


L’albero di Natale dal nostro Appennino

salvaro e calvenzano dalla casetta v1

22 metri di abete targati Lizzano in Belvedere: come gesto simbolico di collaborazione per suggellare la nascita della città metropolitana. Quest’anno per la prima volta, l’albero di Natale di piazza del Nettuno arriva direttamente dal nostro Appennino, per l’appunto da Lizzano e dall’Unione dei Comune dell’alto Reno. Domani, alle 18, accenderemo il grande abete e le luminarie della città, con il Sindaco di Bologna Virginio Merola, i presidenti delle Unioni dei Comuni dell’Alto Reno e dell’Appennino Gianni Nanni e Romano Franchi, il sindaco di Lizzano in Belvedere, Elena Torri, l’assessore provinciale al Turismo Graziano Prantoni e il presidente di Confcommercio Ascom Bologna, Enrico Postacchini. Questa sarà l’occasione per celebrare il primo passo di una collaborazione duratura tra il Comune di Bologna, l’Unione Comuni Alto Reno e l’Unione Comuni Appennino Bolognese per una strategia di promozione turistica e del territorio che vada al di là delle nostre mura, nell’ottica della città metropolitana, che vede Bologna strettamente collegata al territorio che la circonda. Con l’Unione dei Comuni dell’Alto Reno e con l’Unione dei Comuni dell’Appennino abbiamo già condiviso la volontà di iniziare un percorso per la costituzione della città metropolitana che preveda maggior dialogo e collaborazione. In quest’ottica abbiamo siglato un protocollo di intesa con l’Unione dei Comuni dell’Alto Reno per la promozione delle eccellenze di quell’area, che non sono soltanto legate al turismo invernale del Corno alle Scale, ma posso attrarre visitatori anche nel resto dell’anno grazie alle bellezze naturalistiche, ai servizi termali e ai prodotti enogastronomici.

Leggi il seguito di questo post »


La via degli dei: da Bologna a Firenze a piedi

12 amministratori tra Bologna e Firenze

Sabato abbiamo presentato il nuovo progetto di promozione della Via degli Dei, il cammino tra Piazza Maggiore e Piazza della Signoria. Ecco il perchè di una bella foto sorridente, sarà anche per il profumo di tartufo e porcini che proveniva dalla Piazza di Sasso Marconi invasa dalla Tartufesta. In municipio a Sasso, abbiamo firmato il protocollo d’intenti tra i 12 amministratori tra Bologna e Firenze, insieme ai comuni attraversati dall’itinerario. Grazie al protocollo sarà possibile coordinare azioni di marketing a partire da una carta escursionistica, pacchetti turistici, un sito web dedicato, con azioni social e app digitali, per valorizzare il percorso di trekking che collega il centro di Bologna al centro di Firenze, offrendo nuovi servizi agli appassionati camminatori che negli ultimi due anni sono cresciuti in modo esponenziale. Leggi il seguito di questo post »


Manifesto metropolitano dell’innovazione #Sun14

Here Comes the #SUN… i candidati Sindaci del PD ieri pomeriggio hanno firmato il “Manifesto Metropolitano dell’Innovazione” nel corso di un barcamp realizzato a San Lazzaro, con la partecipazione di tanti cittadini e imprenditori. Quattro i temi centrali nel manifesto: rinascimento della manifattura e promozione della cultura tecnica, diritti digitali, imprenditorialità e beni comuni. Si è trattato, a tutti gli effetti, della prima iniziativa politica del PD metropolitano e dei suoi amministratori. Parte ora il viaggio del manifesto per raccogliere adesioni e promuovere nuovi incontri.

15 maggio 2014 – San Lazzaro di Savena – Città Metropolitana di Bologna

Manifesto metropolitano dell’innovazione sociale: un’alleanza per il futuro della manifattura, del lavoro, del digitale e dei beni comuni. Per tornare a crescere.

Nell’area metropolitana di Bologna vivono 1.000.000 di persone con quasi 100.000 imprese  e decine di migliaia di cittadini bolognesi che si attivano per un territorio migliore.

Per essere protagonisti nella sfida del cambiamento che interessa tutta l’Europa, e per crescere nuovamente, bisogna iniziare a correre partendo da questi dati, tutti assieme. Ma è necessaria una nuova visione di politica economica metropolitana per la competitività territoriale, anche in discontinuità con alcune scelte del passato.

Leggi il seguito di questo post »


La Città Metropolitana e la partecipazione dei cittadini

Lunedì, il Consiglio Comunale di Bologna ha approvato un progetto promosso dall’Associazione Laboratorio Urbano dedicato al lancio di un percorso di partecipazione per la Città Metropolitana. Il percorso si svilupperà in tutto il territorio provinciale bolognese e durerà circa un anno, coinvolgendo cittadini, associazioni, imprese, amministrazioni locali e tutti i soggetti che vorranno partecipare, contribuendo così a determinare l’orientamento delle istituzioni di fronte ad una delle più importanti sfide che ci attendono da qui al 1° gennaio 2014. A partire da quella data, infatti, Bologna sarà finalmente una Città Metropolitana. Starà alla nostra comunità decidere come. Di seguito pubblico l’intervento che in qualità di relatore della delibera approvata, ho tenuto a conclusione del dibattito in Consiglio. Leggi il seguito di questo post »