Barbara Calzolari, calligrafa e innovatrice

Ci sono storie che meritano di essere raccontate, altre di essere premiate. Ebbene, Barbara Calzolari merita entrambe le cose. L’associazione dei maestri di calligrafia più famosa del mondo,“International Association of Master Penman, Engrossers and Teachers of Handwriting” (IAMPETH), l’ha riconosciuta tra i primi 12 maestri di calligrafia viventi. Barbara è l’unica donna in Europa ad avere ottenuto nel luglio scorso il titolo. Ieri ho avuto l’opportunità di conoscerla e di congratularmi con lei a nome di Bologna, la sua città natale. Come è costume dell’associazione, Barbara ha realizzato il proprio certificato che rappresenta il manifesto più prestigioso dell’abilità di un Master Penman, un quadro di linee perfette e segni misteriosi nel quale devono essere presenti, tra gli altri, elementi di Blk letter, Engrosser’s, Flourishing, American cursive, Spencerian, Signature writing. Insieme a Barbara, a Palazzo Comunale ieri erano presenti, oltre alla famiglia e agli amici, gli studenti del suo ‘scriptorium’. Chissà che da questo riconoscimento alla creatività e al talento per una bolognese, domani non possa nascere anche un progetto per promuovere l’arte dei maestri calligrafi. Per il momento, il Comune e la Master Penman Calzolari (insieme a tanti altri) stanno lavorando attorno al progetto ‘Francesco Griffo – la grande festa delle lettere’, per celebrare l’epopea di uno straordinario innovatore. Il 2018 sarà il 500enario della morte di Francesco Griffo, bolognese e inventore del carattere tipograpico corsivo, riconosciuto come la più importante figura nella storia del disegno dei caratteri per la stampa, e un protagonista del Rinascimento, epoca in cui la stampa si afferma come strumento fondamentale per l’evoluzione della civiltà. Leggi il seguito di questo post »