VILLA MAZZACORATI: un nuovo progetto di valorizzazione

Quando scelsi di dedicarmi all’impegno politico per Bologna, decisi di partire dal mio quartiere e la prima battaglia in cui mi impegnai fu per Villa Aldrovandi Mazzacorati. Si era sparsa la notizia che un magnate arabo volesse comprarla e che la Giunta Guazzaloca fosse in procinto di venderla. Raccogliemmo diecimila firme, allora. Fu così che il bellissimo giardino e tutto l’immobile rimasero un bene pubblico, pochi anni dopo acquisito dalla Regione.

Leggi il seguito di questo post »

IL GIUSTO MEZZO, VI INVITO A FIRMARE

Anche io ho aderito a questa petizione promossa da Giusto mezzo, una rete di donne della società civile, che chiede al Governo di utilizzare i fondi del RecoveryFund per disegnare un paese più giusto per tutte e tutti.

La petizione pone un tema importante: questa pandemia ha portato alla luce diseguaglianze già presenti da tempo e le donne in particolare stanno pagando un prezzo troppo alto per gli effetti sociali ed economici di questa emergenza, come dimostrano tutte le ricerche condotte in questi mesi.

Vi invito a sottoscrivere qui questa petizione e invito tutti coloro che si candideranno alle prossime Elezioni Amministrative 2021 in Italia a farlo, qualunque ruolo avranno. Le nostre città devono prevedere scelte coerenti con questa visione più giusta e paritaria della società.

Leggi il seguito di questo post »

Bologna, una visione per la rigenerazione

Una città per la scienza e i giovani, questa l’immagine che ho scelto per rappresentare le proposte presentate sabato nel corso di un evento dedicato al futuro di Bologna. Insieme a me sono intervenuti il Prorettore e Vicario Unibo Mirko Degli Esposti, l’architetto Mario Cucinella e la fondatrice del Future Food Institute Sara Roversi. Al centro del nostro confronto i temi della rigenerazione urbana e le priorità per la ripartenza dopo il Covid. Di seguito riporto una sintesi del mio intervento dedicato a presentare una visione per i quadranti Nord e Ovest della città, con particolare riferimento alla svolta ambientale e progettuale di cui abbiamo bisogno. Nel post troverete una mappa dei progetti e un link al video dell’iniziativa, che potrete rivedere.

Leggi il seguito di questo post »

LE RISORSE DEL CAPODANNO PER CHI LAVORA NELLA CULTURA

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Un aiuto concreto ai lavoratori della cultura e della creatività arriverà dal Comune di Bologna che ha stanziato 230.000 euro ulteriori, rispetto alle cifre inserite nell’avviso destinato al sostegno delle nuove produzioni in ambito musicale (130.000 euro in più) e al bando INCREDIBOL! (100.000 euro in più). Fondi recuperati dalle minori spese sostenute per l’organizzazione del Capodanno e degli eventi natalizi non realizzabili nel rispetto delle misure di contenimento imposte dalla pandemia del Coronavirus.

Leggi il seguito di questo post »

PARLIAMO DI IDEE. UNA MIA INTERVISTA.

Voglio condividere con voi una mia intervista uscita venerdì 20 novembre su Il Resto del Carlino.

Matteo Lepore “Dialogo con il centro sulle idee. Basta pregiudizi, è tempo di riconciliazione”

L’assessore apre a ’Bologna Civica’: “Proposte in linea con quanto siamo facendo. Le primarie? È scontato che lo Statuto verrà rispettato”

di ROSALBA CARBUTTI

Il Pd discute? Matteo Lepore risponde con “la riconciliazione”. Il Covid sta cambiando le nostre vite e la politica ne deve prendere atto. Risultato: l’assessore alla Cultura, al Turismo e al Patrimonio, uno dei possibili candidati dem per la successione di Merola nel 2021, apre al centro e al dialogo con ’Bologna Civica’, la creatura di Giancarlo Tonelli e Gian Luca Galletti. Un dialogo che parte dalle tre proposte lanciate dall’ex ministro su scuola, riduzione delle tasse e rivoluzione dei tempi della città.

Leggi il seguito di questo post »

Una “nuova frontiera”

Oggi voglio condividere queste mie riflessioni, pubblicate su Il Resto del Carlino.

Una “nuova frontiera” metropolitana per Bologna. Uscire dal Covid non sarà facile, ma ce la faremo. Il nostro compito è batterci per farlo presto e cambiando le cose che non funzionano, allargando diritti e opportunità. In primo luogo, dobbiamo ridurre le enormi disuguaglianze che la pandemia ha evidenziato. Penso in primo luogo alla medicina, alla scuola e al welfare, alla cura degli anziani e dei nostri ragazzi. Bologna su questo si gioca il suo futuro e la sua identità. In secondo luogo, le diseguaglianze territoriali.

Leggi il seguito di questo post »

SERVE UN SINDACO DI STRADA: BOLOGNA VA ASCOLTATA DAVVERO

Condivido qui un’intervista che ho rilasciato a Francesco Rosano pubblicata oggi su Il Corriere di Bologna.

«C’è bisogno di riconciliazione». L’assessore Matteo Lepore non cede sulla sfida nel Pd per la candidatura a sindaco e resta in campo. «Come si è visto in questi anni sono caparbio», dice Lepore, che vuole «unire e coinvolgere tutti», dalla sinistra al civismo-centrista. «Il prossimo sindaco dovrà andare in strada». E le primarie? «Se non si trova una strada che unisce c’è lo statuto», ricorda l’assessore, che dice di non temere i caminetti ma «i sommergibili che non si sa da dove vengono o dove vanno».

Leggi il seguito di questo post »

IL RUOLO DI BOLOGNA PER UNA NUOVA EUROPA DELLE CITTÀ

L’emergenza causata dalla diffusione del Covid-19 è ancora imprevedibile nella sua portata, ma alcuni dei suoi effetti più preoccupanti sono già evidenti. Non solo quelli sanitari, ma anche quelli sociali, economici e politici, che sempre più gravemente colpiscono i contesti urbani. Ho scritto un contributo, assieme ad Anna Lisa Boni (Segretario Generale di Eurocities), Raffaele Laudani (Presidente della Fondazione per l’Innovazione Urbana e Direttore della Academy of Global Humanities and Critical Theory) e Stefano Manservisi (Professore a Sciences-Po/Paris School for International Affairs e al Collegio Europeo di Parma, già Direttore Generale Cooperazione Internazionale della Commissione Europea), per affrontare il tema e proporre un ruolo di Bologna nella costruzione di una nuova Europa delle città.

Leggi il seguito di questo post »

Riflessioni per una buona svolta

Condivido un’intervista che ho rilasciato a Silvia Bignami pubblicata oggi su Repubblica Bologna.

Lepore, Merola propone di fare una grande coalizione civica, per Bologna 2021, con un’unica lista e senza simbolo del Pd. È d’accordo?
«Merola ha posto un punto importante, che apre uno scenario stimolante. Tutti parlano di coalizione larga per il 2021, ma questa coalizione bisogna anche costruirla e qualificarla e serve un progetto riconoscibile. Ho visto che le reazioni a quel che ha scritto Virginio, da parte del mondo associative e sociale, sono state positive. La strada è lunga, ma se anche chi, come Coalizione Civica, è sempre stata all’opposizione – molto dura peraltro applaude a questa apertura, io penso che questo sia lo scarto che serviva».

Leggi il seguito di questo post »

A BOLOGNA NASCE IL TRUST PER L’ARTE CONTEMPORANEA

Ho il piacere di condividere con voi questa importante novità: a Bologna è nato da pochi giorni il Trust per l’Arte Contemporanea.

È stato siglato l’atto notarile che istituisce la costituzione del “Trust per l’Arte Contemporanea”, annunciato negli scorsi mesi in occasione di Arte Fiera e poi rimandato a causa del lockdown, determinato dall’emergenza sanitaria del coronavirus.

Leggi il seguito di questo post »