Un nuovo spazio popolare al DLF di Bologna

161711600-3a5dda6e-d9b4-4605-9d10-0713fb758f11

Lo spazio educativo

Continua l’apertura di nuovi spazi a Bologna. Il 23 marzo, a partire dalle 18.30, baumhaus network e Kinotto Bar inaugurano una nuova casa dedicata alla cultura e alla vita popolare all’interno del Parco del Dopolavoro Ferroviario in via Sebastiano Serlio 25/2, tra il ponte di Mascarella e la Bolognina. L’avvio di questo progetto è il frutto di un percorso iniziato a Maggio 2017 e che ha impegnato baumhaus network (Associazione Map) ed Express Srl (attivata dai soci di Locomotiv Club), con il supporto del Comune di Bologna e del Quartiere Navile. Il progetto, inoltre, è stato tra i vincitor i del bando Bologna Made, bando che il Comune di Bologna ha messo a disposizione per iniziative di valorizzazione diattività economiche di prossimità, luoghi e itinerari della città di Bologna in chiave turistico-culturale, artigianale e commerciale. Il progetto ha ricevuto un contributo di 12.800 euro a parziale copertura dei lavori strutturali. Qui, d’ora in avanti, ci sarà uno spazio dedicato all’educazione per i più giovani, eventi e progetti culturali, aggregazione e tempo libero per le famiglie. Negli ultimi anni, sono oltre una ventina gli spazi di aggregazione giovanili e culturali, di medie e grandi dimensioni, nati nei quartieri della nostra città anche grazie al supporto delle politiche comunali. Leggi il seguito di questo post »


Il nuovo campo al Pala Dozza di Bologna…e non solo

132011276-e965b3fe-7731-4043-b65c-426eb00da370

Pensate quello che volete ma per me il nuovo campo è una figata. Da oggi il Palazzo dello Sport di Bologna ha un nuovo parquet, realizzato per ospitare partite di basket, eventi sportivi, culturali e manifestazioni. La superficie del parquet adesso è maggiore, ricopre l’intero ovale del PalaDozza, questo permette di poter ospitare qualsiasi disciplina sportiva, soprattutto quelle che necessitano spazi maggiori rispetto al basket, anche a livello internazionale. Il parquet appena installato, adeguatamente coperto, consente di supportare carichi maggiori rispetto a quello precedente, permettendo dunque il montaggio di qualsiasi tipo di palco. Prossimo appuntamento con la storia del ‘Madison’ giovedì 19 aprile alle ore 20.30 al PalaDozza per la prima proiezione – gratuita – del docufilm “Tutto il Palazzo – Bologna 2156: ritorno a Baket City. La grande storia del PalaDozza”. Un film di Emilio Marrese e Paolo Muran, con Vito e Bob Messini, prodotto da Muran Doc, in collaborazione con Futura Films e WildLab. Alla serata parteciperanno campioni e artisti che hanno fatto la storia del PalaDozza. Un lavoro che anticipa nei contenuti, quanto sarà possibile vedere nel Museo digitale del basket che sarà realizzato proprio a Palazzo entro il 2019.

Leggi il seguito di questo post »


NATA LA FONDAZIONE INNOVAZIONE URBANA

35701497545_9c83de66c2_b.jpg

Laboratorio di Quartiere a Bologna

Comune e Università di Bologna insieme hanno deciso di costituire una Fondazione per lavorare insieme. E’ la prima volta. Ieri si è svolta l’Assemblea dei soci e sono stati nominati Cda e Comitato Scientifico, i cui membri saranno chiamati a collaborare per spingere l’innovazione nella nostra città. La Fondazione come ente autonomo e partecipato gestirà i progetti europei che congiuntamente Comune e Università stanno seguendo attualmente e le future iniziative. Sarà sede dell’Ufficio Immaginazione Civica e dell’Urban Center di Bologna, di cui non sarò più io il Presidente pur mantenendo la delega tematica in Giunta. La squadra che si prende cura della partecipazione e della collaborazione civica bolognese quindi si allarga. Siamo molto contenti che abbiano accettato questa sfida alcune figure importanti, candidandosi a fare parte della Fondazione (a titolo gratuito). In primo luogo Raffaele Laudani, che sarà Presidente. Professore di storia delle dottrine politiche presso l’Università di Bologna, Laudani avrà il compito di guidare questo nuovo progetto e aprirlo alla città, alla pluralità, alla diversità, al pensiero libero e collettivo. Con lui, sono stati nominati anche Leda Guidi, fondatrice della Rete Civica Iperbole; Andrea Paolucci, direttore del Teatro ITC di San Lazzaro; Mirko Degliesposti, Prorettore Vicario dell’Università di Bologna e professore di Fisica e Matematica; Ilda Curti, già Assessore alla rigenerazione urbana del Comune di Torino e presidente della rete ‘Quartiers en Crise’. Il Comitato Scientifico sarà invece guidato da Marco Bazzocchi, professore di Letteratura italiana contemporanea e prorettore alla Cultura per l’Università di Bologna. Con lui Fabiana Maraffa, laureanda in Giurisprudenza e Presidente del Comitato Studentesco dell’Alma Mater; Stefano Brugnara, portavoce del Forum Terzo Settore di Bologna; Roberta Paltrinieri, professoressa di Sociologia presso il DAMS; Luca Debiase, Editor di innovazione a Il Sole 24 Ore e Nova24, del quale è stato fondatore. A tutti loro, al Direttore Giovanni Ginocchini, a Michele D’alena e a tutto lo staff di immaginazione civica, auguro buon vento! Leggi il seguito di questo post »


Bologna e Firenze fidanzamento lungo la via degli dei

28951962_2043522632587466_212527921365065233_nVi scrivo da Berlino, dove sono arrivato ieri per partecipare alla Fiera internazionale del turismo insieme alla mia collega Assessora Paola Concia di Firenze. Qui abbiamo presentato un nuovo progetto di promozione del territorio a cui teniamo molto. Ebbene sì Bologna e Firenze hanno deciso di fidanzarsi, due città italiane insieme si alleano per promuovere il nostro paese a livello internazionale e lo fanno puntando sull’Appennino, i borghi e i paesaggi naturali che separano le due aree urbane. Travel fast, discover slowly”, viaggia veloce e scopri lentamente, perchè in 30 minuti di treno puoi andare da Bologna a Firenze ma puoi scegliere di farlo anche in 5 giorni di cammino. Attraversando a piedi la Via degli dei o la Via della lana e della seta verso Prato, oppure con un treno storico a vapore lungo la prima ferrovia transappeninica italiana costruita ne l860. Per la prima volta, alla stampa specializzata abbiamo proposto un’idea di turismo che punta a raccontare i beni culturali e pasaggistici, l’economia di un territorio unico senza confini nel cuore dell’Italia. Dietro a tutto ciò c’è un’idea di futuro che punta a creare opportunità di lavoro, ripopolamento della montagna e dei comuni. All’ITB Berlin è stato anche lanciato l’incontro “Bologna – Firenze, andata e ritorno” in programma mercoledì 14 marzo a Loiano (dalle 9 alle 17.30 a Palazzo Loup, via Santa Margherita 21) dove i due sindaci metropolitani Virginio Merola e Dario Nardella racconteranno i contenuti del patto tra le città. Leggi il seguito di questo post »


Appunti dopo il 4 marzo

camminare1In questi giorni ho messo nero su bianco alcuni pensieri. Il mio silenzio sulle elezioni nazionali era semplicemente motivato dal fatto che stavo scrivendo questo post per poi condividerlo. Un contributo alla discussione e riflessione collettiva della quale abbiamo molto bisogno. Per quanto mi riguarda, possiamo finalmente dichiarare esaurita l’epoca della politica e del pensiero corti come un tweet. Con questo primo post intendo stimolare un confronto aperto, a partire da quanti sentono come me l’urgenza di fare qualcosa, di dire la loro e partecipare. Inoltre, sono determinato a mettermi a lavoro, spero insieme a tanti altri e altre, allo scopo di fare incontrare più persone possibili, le più diverse tra loro. Dopo il 4 marzo, ci sono solo buoni motivi per farlo. In Italia, la sconfitta definitiva del Partito Democratico e della Sinistra ci impongono di ripartire, soprattutto qui a Bologna dove la terra è ancora buona nonostante l’inverno gelido. A sinistra dobbiamo avere l’ambizione di apprendere gli uni dagli altri, senza pregiudizi. Da qui non si parte per candidare qualcuno, ma per costruire una mobilitazione civile e valoriale, una nuova capacità di pensiero e di azione sulla città e il suo ruolo a livello nazionale. Prima che di un movimento o di un nuovo partito, serve che mondi e istanze diverse tra loro ricomincino o inizino a confrontarsi, con l’obiettivo di fondare una nuova pratica del concetto di ‘comune’, il prendersi cura. La più bella e sostenibile tra le forme dell’amore. Ora tutto è possibile nel nostro paese, prepariamoci. Leggi il seguito di questo post »


Trekking col treno 2018

Trenino-Verde-DomodossolaVisitare l’Italia e raccontarla attraverso itinerari turistici, culturali e naturali. E quale migliore biglietto da visita se non il nostro Appennino? ieri mattina abbiamo presentato, assieme al CAI e ad APT Servizi il Trekking col Treno, un’iniziativa che coinvolge i tanti appassionati di escursionismo e che propone un calendario di trekking alla scoperta dell’Appennino bolognese (e non solo), come sempre sotto il segno del turismo “slow” e della mobilità sostenibile. Dal 4 marzo all’8 dicembre, attraverso un calendario di 59 escursioni aperte a tutti, si potranno raggiungere i luoghi di partenza con i mezzi pubblici, grazie anche al supporto di Trenitalia e Tper, le destinazione dei trekking saranno soprattutto le bellezze storico-paesaggistiche dell’Appennino Tosco-Emiliano, tra borghi antichi, Alte Vie, luoghi della memoria, antiche ferrovie, parchi naturali e punti di interesse geologico e archeologico, ma anche alcuni tesori della collina e della pianura, da scoprire o riscoprire a piedi o in bicicletta. Leggi il seguito di questo post »


Bologna amplia gli orari dei musei civici

logoibm_coloripositivo_1Le mie prime scelte sono state per una Cultura più inclusiva e più larga a Bologna. Coerentemente, dal 1° marzo i musei civici rimarranno aperti per più tempo e ci sarà una maggiore uniformità tra loro. Un altro passo che arriva dopo avere deciso il prolungamento nel sottopasso di Piazza Re Enzo della mostra “Bologna Fotografata” fino al 2 aprile, avere dato il via libera a realizzare uno spazio espositivo permanente dedicato alla storia della città e alla fotografia, presentato il bando per realizzare il cartellone estivo con una programmazione più lunga e più inclusiva rispetto al passato. Ora tocca ai musei, verso i quali nei prossimi mesi dedicheremo un forte approfondimento e rilancio strategico. La nuova estensione degli orari presentata ieri si articola in un sistema di aperture immaginato per coniugare le esigenze dei visitatori a quelle dei cittadini e garantisce a tutti la possibilità di fruire delle straordinarie collezioni permanenti. La principale novità riguarda la fascia dalle 10.00 alle 18.30 nelle giornate di sabato e domenica per i musei civici in linea generale, mentre il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e il Museo Morandi aggiungono all’apertura 10.00 – 18.30 un prolungamento serale il giovedì fino alle 22.00, infine l’Archeologico anticipa l’apertura alle 9 per aggevolare il pubblico delle scolaresche.

Leggi il seguito di questo post »