Appunti dopo il 4 marzo

camminare1In questi giorni ho messo nero su bianco alcuni pensieri. Il mio silenzio sulle elezioni nazionali era semplicemente motivato dal fatto che stavo scrivendo questo post per poi condividerlo. Un contributo alla discussione e riflessione collettiva della quale abbiamo molto bisogno. Per quanto mi riguarda, possiamo finalmente dichiarare esaurita l’epoca della politica e del pensiero corti come un tweet. Con questo primo post intendo stimolare un confronto aperto, a partire da quanti sentono come me l’urgenza di fare qualcosa, di dire la loro e partecipare. Inoltre, sono determinato a mettermi a lavoro, spero insieme a tanti altri e altre, allo scopo di fare incontrare più persone possibili, le più diverse tra loro. Dopo il 4 marzo, ci sono solo buoni motivi per farlo. In Italia, la sconfitta definitiva del Partito Democratico e della Sinistra ci impongono di ripartire, soprattutto qui a Bologna dove la terra è ancora buona nonostante l’inverno gelido. A sinistra dobbiamo avere l’ambizione di apprendere gli uni dagli altri, senza pregiudizi. Da qui non si parte per candidare qualcuno, ma per costruire una mobilitazione civile e valoriale, una nuova capacità di pensiero e di azione sulla città e il suo ruolo a livello nazionale. Prima che di un movimento o di un nuovo partito, serve che mondi e istanze diverse tra loro ricomincino o inizino a confrontarsi, con l’obiettivo di fondare una nuova pratica del concetto di ‘comune’, il prendersi cura. La più bella e sostenibile tra le forme dell’amore. Ora tutto è possibile nel nostro paese, prepariamoci. Leggi il seguito di questo post »


Impressioni personali di una serata a Làbas sul futuro delle città

Ieri sera ho partecipato a un incontro pubblico su invito di Làbas (grazie per l’opportunità di confronto), insieme al Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. E’ stata una bella serata, partecipata da oltre un centinaio di persone. Un’assemblea appassionata dedicata al futuro delle città. Difficile il paragone con Napoli, l’altra faccia della luna rispetto a Bologna. Due città molto diverse tra loro per storia e connotazione sociale. Era una platea difficile per me, iscritto, amministratore ed elettore del Partito Democratico, ma era importante esserci. Leggi il seguito di questo post »


Codigoro e Sindaca PD, quello che penso

repLa Repubblica di Bologna oggi ospita una mia intervista sull’iniziativa della Sindaca PD di Codigoro che ha proposto di alzare le tasse ai cittadini che accolgono i migranti. Ero intervenuto ieri su Facebook, commentando così la notizia: ‘Tra qualche mese ci saranno le elezioni politiche e una delle richieste del Partito Democratico: <<sarà votateci altrimenti vince la destra!>> Perché andare a votare?! Espellere queste persone dal PD sarebbe l’unico segnale democratico degno di questo nome’. Pubblico di seguito l’intervista.

«ESPELLERE queste persone dal Pd sarebbe l’unico segnale democratico degno di questo nome». Così su Facebook l’assessore all’economia Matteo Lepore si schiera contro la decisione della sindaca di Codigoro di tassare chi affitta ai prorughi.
Lepore, perché questa presa di posizione? «Credo sia ora che il partito nazionale dica basta: troppi rappresentanti Pd stanno usando toni e promuovendo iniziative di stampo leghista. Gli amministratori non vanno lasciati soli ed è chiaro che ci sono tensioni nei territori sui temi dell’accoglienza, ma governo e Pd stanno cercando di portare avanti una linea pragmatica e di solidarietà». Leggi il seguito di questo post »


Riflessioni sul Congresso del PD di Bologna

idee-mondoDove eravamo rimasti? Alcuni mesi fa alla vigilia del Congresso Nazionale del Partito Democratico ho rilasciato un’intervista. Ragionavo attorno alla difficoltà degli elettori nel distinguere il Partito Democratico dal Centrodestra, oltre alla volontà di lavorare ad un movimento civico per Bologna, in grado di coinvolgere soggetti nuovi, ‘perché – affermavo –  i confini del PD non bastano più’. Archiviato il Congresso Nazionale, diciamolo a bassa voce, erano opinioni condivise da tanti cittadini che ancora mi fermano per strada, sdoganate da molte analisi successive al naufragare della riforma elettorale in Parlamento e la sconfitta del PD alle elezioni amministrative. Per coerenza ripartirei da qui, dopo mesi di silenzio sulle vicende politiche, per avanzare alcune riflessioni questa volta dedicate al prossimo congresso del Partito Democratico di Bologna. Proposte per chi si candida e per chi parteciperà, attorno alle quali penso valga la pena ricercare la costruizione di un progetto unitario (la maggiore unità possibile) senza capri espriatori, aperto e coinvolgente, in grado di andare oltre le mozioni nazionali. Un progetto che ci impegni tutti ad una svolta radicale. Leggi il seguito di questo post »


Le primarie del PD e il nostro paese

UNITA32_20151126195209121-1024x674Ha vinto Matteo Renzi e ha vinto il Partito Democratico, che da oggi ha un nuovo segretario e il suo candidato premier per governare il paese. Così hanno deciso i votanti alle primarie del 30 aprile, meno delle altre volte è vero ma comunque tanti di questi tempi. A Matteo Renzi congratulazioni e un sincero in bocca al lupo, perchè a lui spetterà un compito non facile, condurci in una delle battaglie più difficli e importanti della storia politica recente. Fermare i populisti e la destra, avanzare una proposta in grado di raccogliere la maggioranza dei consensi nel paese qualunque legge elettorale avremo alle prossime elezioni.

Insieme alle decine di migliaia di volontari che hanno organizzato e promosso queste primarie democratiche, credo vada ringraziato con enorme affetto anche Andrea Orlando, il candidato che ho sostenuto. Per prima cosa Orlando ha deciso di candidarsi nonostante sapesse fin dall’inizio che la sua impresa sarebbe stata impossibile. Lo ha fatto con spirito di servizio, stile e generosità. La sua candidatura ha reso più vere queste primarie, purtroppo non il Congresso perchè, diciamoci la verità, di dibattito politico e confronto sui contenuti ce n’è stato davvero poco. Leggi il seguito di questo post »


Le parole di Carla

indexPubblico sul blog l’intervento di Carla, storica iscritta del Circolo PD San Rufillo a Bologna. In questo Congresso, per la prima volta dopo oltre cinquanta anni di militanza, ha deciso di non dire quale candidato alla segreteria avrebbe sostenuto pur partecipando al voto e rimanendo iscritta. Carla ha messo per iscritto le sue ragioni e sabato mattina si è presentata al Congresso del circolo per leggerle. La sua voce tremava, tanto che si è dovuta sedere per svolgere il suo intervento. Le parole di Carla prima di tutto vanno lette per questo, per la passione e la sofferenza che le hanno prodotte, per l’appello che lancia. Ci ricordano quello che i nostri padri costituenti hanno scritto nell’articolo 49 della Carta Costituzionale, subito dopo la fine del secondo conflitto mondiale e dopo la lotta di liberazione nazionale: ‘tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale’. Le parole di Carla sono una lezione per tutti noi che ci spendiamo ogni giorni in quella causa così bistrattata che si chiama Politica, per i politologi e i commentatori, ma soprattutto per i cinici e i tanti ‘ladri di senso’ che avvelenano il nostro tempo. Un monito per chi si accontenta delle sale vuote nei processi di partecipazione. Leggi il seguito di questo post »


Intervista sul PD, il Congresso e le Primarie per Orlando

Domenica, Andrea Orlando è stato chiaro dalla pagine de Il Messaggero: “Dobbiamo concentarci su un programma di uguaglianza e di forte redistribuzione del reddito. Questo è l’asse attorno a cui costruire le alleanze. Non possiamo più allearci con pezzi di destra”. L’elettorato deve percepire l’identità e il posizionamento politico del PD, in questa fase storica nella quale tanti cittadini italiani faticano a comprenderlo (o vogliamo fare finta di nulla?). Questo è anche il punto politico che ho posto con chiarezza nella mia intervista al Corriere di Bologna uscita domenica scorsa e che pubblico in questo post (i titoli dei giornali non si scelgono e un titolo gridato non cambia i contenuti). Penso di avere espresso una posizione legittima e di non avere fatto altro che sottolineare la percezione di tanti elettori delusi, non solo del Pd. Come ho detto, sono iscritto al Pd e continuerò a rimanere tale, impegnandomi affinché in questo congresso ci si confronti con lealtà sul merito e su posizioni politiche. Mi auguro che alle primarie del 30 aprile prossimo vengano in tanti e tante. Non dobbiamo bastare a noi stessi, infatti, ma convincere che dentro al nostro partito le posizioni politiche possono essere plurali, che c’e’ possibilità di dire quello che si pensa e di fare battaglie per il posizionamento politico del partito, in altre parole: un congresso vero. Leggi il seguito di questo post »