Il piano per tutelare il Centro Storico

66447497_2566324666724869_5762042392471404544_nQuando nell’aprile del 2017 proposi di approvare anche a Bologna un piano contro il proliferare eccessivo di pubblici esercizi e minimarket nel Centro Storico sapevo che ci sarebbe voluto tempo. Ora il piano per limitare le nuove licenze e tutelare l’autenticità della nostra città è finalmente stato approvato dal Consiglio Comunale. La Giunta aveva predisposto una delibera alla quale hanno poi lavorato ottimamente i miei colleghi Orioli e Aitini (che ne frattempo è subentrato alla mia delega al Commercio). Il provvedimento ha un obiettivo preciso: privilegiare la qualità e non la quantità. Basta strade monoprodotto o vicoli che si trasformano in specchietti per turisti, a favore invece delle botteghe storiche, degli artigiani e dei servizi per chi abita la zona dentro le mura. Sosteniamo in questo modo l’economia di prossimità, il lavoro e anche la vivibilità prevenendo il consumo eccessivo della città prima che sia troppo tardi. Il prossimo passo che ora si rende necessario è la regolamentazione per gli affitti brevi rivolti ai turisti e in particolare per quelli intermediati dalle piattaforma online come Airbnb e altri operatori. A questo scopo, chiedo alla Regione Emilia-Romagna di approvare subito un provvedimento che attui quanto previsto dall’utlimo Decreto Crescita e cioè l’introduzione del codice identificativo e l’istituzione della banca dati per le locazioni.

Leggi il seguito di questo post »


TRE GIORNI DI FESTA, INCONTRI E PARTECIPAZIONE AL TRENO DELLA BARCA

Treno dei desideriTre giorni di festa e approfondimento al Treno della Barca. Venerdì, sabato e domenica (28, 29 e 30 giugno), a partire dalle ore 18, festa popolare nel parco di Piazza Giovanni XXIII, protagonisti i residenti e le associazioni del quartiere, con il meglio dei cibi regionali (a cura di Finger Food Festival), tante iniziative culturali, sportive e una colonna sonora a cura di Estragon Club. La tre giorni sarà anche occasione di incontri e scambio di idee e proposte.

Leggi il seguito di questo post »


Lepore vuole riavviare il Treno – Il Corriere

treno«Portiamo l’estate culturale nel Treno della Barca per rivitalizzarlo». Il Comune pensa a come valorizzare uno dei dodici tratti dei portici scelti per il dossier dell’Unesco e punta tutto sulla cultura e sui centri di aggregazione giovanile. Che è quello che hanno chiesto a gran voce i residenti e i commercianti del Treno, sentiti sulla candidatura di «casa» loro all’Unesco. «Ci sentiamo abbandonati, i negozi sono quasi tutti chiusi, non si fanno più iniziative culturali qui e il rischio è di tornare a essere un ghetto», hanno detto in coro al Corriere, durante il suo viaggio nei portici selezionati per il dossier. «Il Treno della Barca è un luogo dell’anima, ci credo cosi tanto che sono andato a vivere 1º vicino. La Barca è uno dei quartieri più interessanti della città, è verde e rappresenta una delle grandi questioni aperte che Bologna ha di fronte». L’assessore alla Cultura di Palazzo d’Accursio, Matteo Lepore, coglie la «sfida» lanciata dagli abitanti e dai commercianti del Treno. Leggi il seguito di questo post »


Il turismo ha salvato Bologna – Il Corriere

indexIn un’intervista a Il Corriere di Bologna, ho fatto il punto riguardo ai temi turismo e cultura in città.

Il caso dell’ex Monte di Pietà, destinato a ospitare un supermercato con ristorante ha riacceso il dibattito sull’identità della città, da Bologna la dotta a Bologna la troppo grassa. In particolare il professor Eugenio Riccomini ha suggerito di investire su cultura e istruzione. «Bologna deve tornare a far crescere la cultura delle persone», ha detto. Leggi il seguito di questo post »


Piazza Aldrovandi e Mercato Albani, oggi

Siamo stati oggi in Piazza Aldrovandi per fare il punto e raccontare la rinascita di questa piazza in un intervista con TRC. I box del mercato diventano opere d’arte: un altro passo in avanti nella rinascita dei mercati rionali Albani e Piazza Aldrovandi. E’ l’ultimo atto di un lungo percorso di riqualificazione che, nel segno della collaborazione civica, ha visto lavorare insieme al Comune di Bologna e ai quartieri Navile e Santo Stefano, la Fondazione Rusconi, l’associazione Serendippo, gli operatori commerciali e le associazioni di categoria. Piazza Aldrovandi è oggi un cuore commerciale, pedonale e culturale nel centro della città, è stata protagonista di un cambiamento radicale anche attraverso la riqualificazione dei 16 box del mercato. Leggi il seguito di questo post »


Chiarimento su TDays, turismo, commercio e analisi dei dati

bigstock_big_data.pngAlcuni giornali locali ieri e oggi davano la notizia di uno studio dell’Amministrazione comunale sui flussi dei TDays e gli umori delle persone. Confermo ma vorrei illustrare qui qual è il nostro obiettivo. Lo dico subito a scanso di equivoci, non certamente quello di smontare il weekend pedonale di via Rizzoli, Indipendenza e Ugo Bassi, nè di montare un grande fratello che spia le persone (sintesi giornalistica ahimè infelice e non veritiera, ma faccio mea culpa per non avere spiegato a dovere il nostro intento). Stiamo parlando di due studi che abbiamo assegnato. Il primo dedicato all’analisi delle opinioni sui social, il secondo invece rivolto alla quantificazione e descrizione dei flussi di persone. Entrambi fanno parte di un progetto molto più complesso, rispetto al quale i TDays sono di per sè semplicemente un campo di sperimentazione, realtivo all’uso strategico dei ‘DATI’ in ambito urbano. Da tempo, infatti, la nostra Amministrazione ha deciso di mettere al centro questo tema, come paradigma attorno al quale promuovere una riorganizzazione del modo di lavorare della Pubblica Amministrazione, da un lato, dall’altro per favorire decisioni politiche più sostenibili e lungimiranti; ragionare attorno a informazioni puntuali e delle analisi basate sui numeri, trasparenti e condivise; permettere alla cittadinanza di partecipare in modo più pieno; alle aziende interessate a risolvere problematiche d’interesse pubblico di proporre progetti più efficaci; alla scienza di promuovere progetti di ricerca e sviluppo. Nello specifico, come è noto sto lavorando all’applicazione del Decreto ‘Unesco’ al Centro Storico di Bologna, misura dedicata a regolamentarne il suo consumo eccessivo. Capire e monitarare i flussi e le dinamiche di turisti e consumatori, di giorno e di notte è molto rilevante, anche per non dibattere sulle ipotesi ma su dati reali. La stessa ragione che ci ha portati a sottoscrivere settimane fa una convenzione con Airbnb, in questo caso per capirne la reale presenza e l’impatto. Leggi il seguito di questo post »


Zamboni, Guasto e Aldrovandi

24058730_10155229800692992_4377292104345776373_n

Inaugurazione luminarie via Petroni

Prosegue la nostra azione di recupero della Zona Universitaria, in collaborazione con Università, Teatro Comunale e realtà dell’area. Come già illustrato qui nel blog e in Consiglio Comunale, dopo la sperimentazione estiva, il Guasto Village si trasforma e diventa Winter Village. Dall’8 dicembre al 31 gennaio via del Guasto, largo Respighi, piazza Verdi e piazza Aldrovandi si animeranno grazie all’iniziativa di Comune di Bologna, Teatro Comunale, Fondazione Rusconi, PeacockLab, progetto Rock. Un programma di interventi che intreccia cultura e intrattenimento, partecipazione e nuova caratterizzazione della zona. La versione invernale del Village arriva dopo altri due passi in avanti concreti: l’inaugurazione del nuovo mercatino dei fiori ogni domenica mattina in Piazza Aldrovandi e, per la prima volta, l’accensione delle luminarie natalizie in via Petroni e in Piazza Verdi, risultato di una sottoscrizione avviata dalla Fondazione Rusconi e dal Comune con gli operatori commerciali, insieme ad Ascom, residenti e associazioni della zona universitaria. Durante i mesi invernali, sarà attivato anche U-LAB, un laboratorio che utilizzerà i diversi spazi a disposizione in piazza Verdi e dintorni, a partire da quelli che si affacciano sulla piazza (Winter Village, Foyer Teatro) e dagli stessi spazi aperti (piazza Verdi, piazza Scaravilli e altro). Le attività di U-LAB tra dicembre e gennaio consisteranno in una mappatura e in una serie di incontri con gli attori attivi nell’area sotto il coordinamento dell’Ufficio per l’Immaginazione Civica. Un bando pubblico ci aiuterà ad individuare iniziative che saranno realizzate in zona universitaria tra l’8 gennaio e il 28 febbraio. Come già spiegato, per la prossima primavera-estate individueremo il nuovo progetto per il Villagge tramite un apposito bando. Leggi il seguito di questo post »