GOOD LAND, UN NUOVO MODELLO D’IMPRESA PER LA TUTELA DEI LAVORATORI E DEL TERRITORIO

cap.jpgIl dieci dicembre ho partecipato alla presentazione della start-up Good Land e del suo primo progetto-prodotto: la passata di pomodoro contro il caporalato.

È grazie a Lucio Cavazzoni se a presentare il progetto c’ero anche io, insieme a Yvan Sagnet e Maria Luisa Terrenzio. Tutti e quattro uniti dalla lotta contro il caporalato e dalla voglia di liberare la nostra terra dalla schiavitù e dallo sfruttamento del lavoro agricolo, attraverso la rete NO CAP e Good Land, la nuova realtà nata a Bologna.
Leggi il seguito di questo post »


Il nuovo Museo Morandi nella Palazzina Magnani

MorandiCondivido l’intervista de Il Resto del Carlino di Bologna, pubblicata nell’edizione di oggi, sulla volontà del Comune di acquisire la Palazzina Magnani, in via Azzo Gardino: vorremmo che diventasse la sede del nuovo Museo Morandi.

Il Comune apre il portafoglio e vuole acquistare dal Demanio la Palazzina Magnani di via Azzo Gardino, abbandonata da ormai 15 anni. Un investimento da quasi 2 milioni di euro per un obiettivo ambizioso: “Porteremo lì il nuovo Museo Morandi – l’annuncio dell’assessore alla Cultura, Matteo Lepore –: se lo merita, perché è un artista di un’importanza mondiale”.
Leggi il seguito di questo post »


Così sarà! La città che vogliamo

Avevo un sogno come Assessore alla Cultura: il Teatro per tutti i ragazzi e le ragazze delle nostra città. Per tanti, non per pochi. Per questo abbiamo chiamato a raccolta le competenze migliori attorno al progetto Così sarà.

così sarà 2Cerchiamo ragazze e ragazzi dagli 11 ai 25 anni. Abbiamo tempo due anni, fino a maggio 2021, per lavorare insieme e immaginare la città ideale, farla nascere. La nostra arma è il teatro e non abbiamo paura di usarla.

Parte un progetto rivoluzionario, per ripensare la città attraverso il Teatro, la forma d’arte collettiva più antica e democratica. Qualcuno sostiene che il Teatro sia come la boxe, arti per combattere la paura e i pregiudizi. Una dimensione di vita e di riscatto, dove crescere e diventare cittadini, sfidare se stessi e i propri limiti nel rispetto degli altri, imparare dalle emozioni.

I ragazzi sono pieni di vita e dobbiamo aver fiducia in loro!
Ed è questa la nostra scommessa per il domani, affidare a loro la creazione di una proposta per la città che vogliamo.
Come?

Leggi il seguito di questo post »


Bologna e Barcellona sulle piattaforme digitali

Sono appena tornato da una tre giorni a Barcellona (dal 19 al 21 novembre), dove ho partecipato a diversi incontri. Con la città catalana ci lega un protocollo di cooperazione che abbiamo sottoscritto nel 2018. Un’intesa politica nata con la visita della Sindaca Ada Colau a Bologna nel giugno dello stesso anno.

WhatsApp Image 2019-11-20 at 12.59.24Il motivo principale della missione era il mio intervento al World Smart City Expo, all’interno del programma ‘Sharing cities action’. Insieme ai colleghi di Barcellona e Berlino ci siamo confrontati in una sessione dedicata a approfondire l’impatto delle piattaforme digitali in ambito urbano. Prima di noi, sul medesimo tema, la presentazione del progetto di ricerca europeo PLUS, che vede coinvolte molte università europee, tra le quali la nostra. Bologna aderisce convintamente a ‘Sharing Cities’, una rete mondiale di 50 città impegnate per garantire la sovranità delle città. Le azioni sulle quali ci stiamo concentrando riguardano la promozione dello sviluppo socio-economico, la regolamentazione delle piattaforme, la difesa di diritti del lavoro, l’innovazione pubblica, la promozione di piattaforme con impatto positivo. Leggi il seguito di questo post »


HousingBO, tra diritto alla casa e diritto allo studio

Il diritto alla casa è legato al diritto allo studio e all’accoglienza a Bologna. Questo è un aspetto di cui abbiamo parlato a lungo durante l’istruttoria pubblica sul disagio abitativo e che continuiamo ad approfondire: la settimana scorsa abbiamo presentato i dati della ricerca sulla condizione abitativa degli studenti dell’Università di Bologna, raccolti grazie all’analisi di oltre 11.000 questionari compilati dagli studenti della nostra città.

bologna 2

La ricerca, che ha coinvolto il 13,6% degli iscritti all’Ateneo, è un’esperienza unica nel panorama nazionale e internazionale che mette a disposizione dell’intera città un patrimonio conoscitivo inedito sul fenomeno abitativo studentesco. Uno strumento importante per continuare il coinvolgimento sempre maggiore degli studenti nelle scelte politiche di una città che è anche la loro.

L’istruttoria pubblica sul disagio abitativo e questa ricerca, condotta nell’ambito del progetto HousINgBo della Fondazione Innovazione Urbana, confermano quanto Bologna stia crescendo nella sua attrattività e, quindi, quanto sia sempre più necessario realizzare politiche che tengano conto della reale situazione della nostra città: c’è bisogno, prima di tutto, di un piano di riequilibrio del mercato degli affitti. Lo dobbiamo agli studenti che scelgono Bologna come città in cui studiare e che ci mettono anche otto settimane, come ci dicono i dati della ricerca, a trovare una stanza, spesso a prezzi troppo alti. Leggi il seguito di questo post »


TORNA LA MARATONA DI BOLOGNA

Maratona oldL’1 marzo 2020 Bologna avrà la sua Maratona. Ci stiamo lavorando da tempo insieme all’associazione sportiva “Bologna Sport Marathon” e ora finalmente è ufficiale. Un percorso cittadino di 42 chilometri tra Piazza Maggiore e le più belle piazze e strade della città, tra i nostri portici e altri luoghi simbolici di Bologna, come in questa foto di qualche anno fa. Ci saranno anche una gara di 30 chilometri e una non competitiva di 6, per permettere di partecipare a tutti coloro che amano correre.

Leggi il seguito di questo post »


A BANDO 304.000 EURO DI FONDI EUROPEI PER IL WELFARE CULTURALE

FIUNell’ambito dei “Programma Operativo Città metropolitane 2014 – 2020 – PON METRO”, finanziato dall’Unione europea, il Comune di Bologna ha pubblicato il bando: “L’inclusione e l’innovazione sociale a Bologna attraverso nuovi progetti culturali” per l’assegnazione di 304.000 euro a favore di soggetti del Terzo Settore per cinque progetti di welfare culturale. Attraverso questo bando, che rimarrà aperto fino all’1 luglio 2019, proseguiamo nella nostra azione di rafforzamento della cultura nei quartieri per favorire progetti di inclusione e coesione sociale. L’intento è dare la possibilità a tutti i cittadini e le cittadine di essere inclusi e parte attiva della comunità.

Leggi il seguito di questo post »