Un programma nazionale dedicato alle città

ImmagineMartedì 11 febbraio ho accompagnato il Sindaco di Bologna all’incontro tra ANCI e Ministero della Coesione territoriale, dell’allora governo Letta. Alla presenza dei primi cittadini dei Comuni capoluogo facenti parte le Città Metropolitane, ci è stata illustrata la bozza di Accordo di Partenariato predisposta dal Governo Italiano (9 dicembre 2013), che contiene una lunga sezione dedicata all’Agenda Urbana nella programmazione dei Fondi strutturali 2014-2020. Nelle intenzioni del Governo, tale strategia sarà attuata largamente attraverso i Programmi Regionali, considerata ove opportuno da alcuni Programmi nazionali tematici e resa visibile nel suo rilievo anche con un Programma, a natura più sperimentale, dedicato alle Città metropolitane. Leggi il seguito di questo post »


#Openscuola: domande e risposte sulla Scuola dell’infanzia

scuola-infanzia-bologna-2-investimentoOpenscuola@comune.bologna.it è l’indirizzo a cui inviare le domande sulla Scuola dell’infanzia di Bologna. Le risposte saranno pubblicate su Iperbole in una pagina dedicata. Il 26 maggio prossimo a Bologna si svolgerà un referendum consultivo sulla scuola dell’infanzia. In vista di questo appuntamento abbiamo raccolto le tante domande che i cittadini hanno rivolto all’Amministrazione e deciso di aprire una pagina per pubblicare dati e informazioni utili a rispondere ai quesiti più frequenti. Vi ringraziamo per il vostro contributo, prezioso, che renderà questa occasione referendaria un momento di confronto e di conoscenza sul futuro della scuola bolognese.

Leggi il seguito di questo post »


Scuola pubblica: la protesta delle maestre

maestre Leggi il seguito di questo post »


Il bilancio del Comune di Bologna: priorità ai servizi

Bilancio Comune Bologna

(Dati di contabilità analitica riferiti all’anno 2011)

Non tutti hanno chiaro di cosa si occupa un Comune e quali siano gli effetti dei tagli da parte dello Stato. Ecco un’immagine che descrive le priciapli voci di impegno del bilancio del Comune di Bologna. Negli ultimi due anni, lo Stato ha tagliato 150 milioni di euro e quest’anno altri 30, come se sparissero gli asili a Bologna.

Leggi il seguito di questo post »


La Salute (P)reclusa e le nostre forme di tortura

276812_412511342157779_336145202_nVenerdì 1 febbraio, dalle 16.30 alle 19.30 presso la Salaborsa – Auditorium Enzo Biagi – Piazza Nettuno – Bologna

L’associazione Progrè presenta:

La Salute (P)reclusa e le nostre forme di tortura – una riflessione a partire dal caso di Franco Mastrogiovanni

Alessandro Bergonzoni – attore

Matteo Lepore – Assessore Comune di Bologna

Luigi Manconi – Presidente dell’associazione “A Buon Diritto”

Grazia Serra – nipote di Franco Mastrogiovanni

Avv. Valentina Restaino – parte civile in processo per U.N.A.SA.M

Partendo da una videoinchiesta tratta dal dossier “La Salute (P)reclusa”, affrontiamo il caso di Franco Mastrogiovanni, insegnante di 58 anni morto dopo essere stato sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio per aver violato il codice della strada, e tenuto legato mani e piedi per 82 ore.
L’ennesimo caso di abuso ci porta direttamente a chiederci: perchè in Italia non esiste il reato di tortura? Quale diritto alla salute è garantito alle persone detenute e internate? Leggi il seguito di questo post »


L’incontro con i collettivi dello spazio Atlantide

atlantideMartedì 22 gennaio, ho incontrato i rappresentanti dei collettivi dello spazio Atlantide. L’incontro è avvenuto a seguito di una loro richiesta avanzata nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Comunale, per esprimere alcune considerazioni in merito all’esito del bando dedicato all’assegnazione del Cassero di Porta Santo Stefano. Le associazioni che fanno riferimento ad Atlantide, e che attualmente hanno ancora sede nell’edificio in questione, sono state giudicate ammissibili nella graduatoria ma non si sono classificate con un punteggio sufficiente per ottenere l’assegnazione. Da parte del Comune ho rappresentato la volontà di aprire un dialogo per trovare una diversa collocazione delle loro attività. Leggi il seguito di questo post »


Referendum comunale scuola: si voterà il 26 maggio 2013

scuolaQuest’oggi il Sindaco Virginio Merola è intervenuto in Consiglio Comunale per annunciare la data del Referendum Comunale sulle scuole paritarie. Si voterà il 26 maggio prossimo. “Il nostro obiettivo – ha detto – accogliere al meglio tutti i bambini. La nostra priorità: mantenere standard alti ed un metodo condiviso di educazione, indipendentemente che le scuole siano comunali, statali o paritarie”. Di seguito il testo integrale del suo intervento comprese le motivazioni che lo hanno portato a indicare una data differente da quella delle elezioni politiche del prossimo febbraio. Per quanto mi riguarda non posso che ribadire qui quanto ho appena scritto in un dialogo su Facebook con alcune persone: il fatto è che le scuole dell’infanzia non sono obbligatorie, le famiglie possono scegliere se mandare i bambini tra i 3 e i 6 anni alla scuola dell’infanzia, a Bologna questa facoltà è diventata un diritto grazie ai servizi edificati a livello municipale decenni fa e cresciuti negli anni ’90 proprio grazie all’evoluzione del sistema integrato, colmando un vuoto di uno Stato assente… aumentano i bambini, aumentano i bisogni delle famiglie, cambiano le abitudini e per fortuna siamo in un territorio dove c’è tanta qualità anche nel mondo dell’impresa e del terzo settore… la ricchezza del passato ci ha disabituato a vedere le cose come sono realmente e ora che la crisi mette paura, alcuni vogliono ritornare indietro senza prendere atto delle conseguenze… qui non c’entrano i preti, qui si fa la scuola vera del futuro o si muore altrochè… si cercano di dare risposte alle famiglie… un’alternativa c’è, fare come in tante altre regioni d’Italia e ridurre ai minimi i servizi per paura di innovare e amministrare senza assumersi delle responsabilità. Noi preferiamo la nostra strada. Leggi il seguito di questo post »