Matteo Lepore Manifesto Mobile def

8 MARZO 2021. LETTERA APERTA E PROPOSTA COSTITUENTE

da | Mar 8, 2021 | Bologna

Buon 8 marzo!
Questa è una lettera aperta e una proposta costituente.
Mi rivolgo a Elly Schlein, Isabella Conti, alle mie colleghe Susanna Zaccaria e Marilena Pillati, ma soprattutto alle tante competenze che Bologna esprime nel mondo dell’educazione e della scuola, a partire da chi ci lavora ogni giorno.
Credo che il modo migliore per riconoscere dignità a questa giornata sia avanzare una missione concreta.
Bologna deve rifondare il proprio futuro a partire da un nuovo progetto educativo, da un nuovo investimento pubblico sulla scuola per l’infanzia. Nelle scorse settimane ho proposto di avviare una nuova Fabbrica del programma per il centrosinistra bolognese.
Ecco, mi rivolgo a tutte e tutti voi proponendo di aprire in quella sede una fase costituente, nella quale mettere mano al pensiero e all’azione.

La Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein scrive questa mattina su il Domani che dei 444 mila occupati in meno nel 2020, il 70% sono donne e propone di utilizzare il Recovery Fund per un supporto vero al mondo femminile in campo formativo, imprenditoriale, occupazionale. In particolare, propone di realizzare asili nido su tutto il territorio nazionale.
La Sindaca Isabella Conti a San Lazzaro è riuscita a offrire la gratuità dei nidi ai propri cittadini e da anni si batte per estendere questa opportunità attraverso provvedimenti legislativi regionali e nazionali.
II Comune di Bologna e la Regione Emilia-Romagna, in questi anni hanno investito per una forte progressività e accessibilità dei nidi. Con l’associazione Una città con te e la consigliera Simona Lembi abbiamo anche elaborato un complessivo Piano per l’Uguaglianza.

Proprio ora alle istituzioni municipali spetta un compito enorme: fermare la pandemia e riaprire al più presto le scuole, solo così si possono sconfiggere le diseguaglianze. A partire dalla più grande, di cui più volte abbiamo parlato in questi mesi, quella di genere.

Oggi è un giorno di lotta. Vi propongo di continuare a lottare insieme, fabbricando fatti concreti.
Bologna è il posto giusto dove cambiare l’Italia e renderla un paese più giusto e solidale. Uniamoci per cambiare in meglio la nostra società a partire da ciò che ci è più caro: la causa delle bambine e dei bambini.