Quello in basso a destra è Martin Scorsese in una foto che ho scattato due anni fa da un gradino mentre scendevamo insieme nel cantiere del Nuovo Cinema Modernissimo a Bologna. Voleva vedere le pietre originali della millenaria via Emilia.

Proprio in questi giorni abbiamo approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del nuovo accesso al Modernissimo da Piazza Re Enzo e procederemo con la selezione della ditta che eseguirà i lavori.
E’ l’ultimo tassello della riqualificazione che riporterà in vita il cinema sotterraneo tra le mura storiche di Palazzo Ronzani, nel quadrilatero, un gioiello in stile Liberty inaugurato la prima volta nel 1915.
La volontà del recupero di un luogo così legato alla nostra città è figlia di una collaborazione tra il Comune di Bologna, la Cineteca, Emmegi Cinema e la partenrship con Confindustria Bologna e un gruppo di realtà economiche private che hanno creduto nel progetto.
Il Cinema Modernissimo tornerà a vivere, legato a tanti ricordi dei bolognesi.