VERSO UN MUSEO PER LA MEMORIA DELLE OGR

OGR

Dietro i cancelli di via Casarini è racchiusa la storia di una strage silente, quella dell’amianto. Una strage che continua ancora oggi, a decenni di distanza, a mietere vittime. Ma dietro quei cancelli, oggi chiusi, c’è anche un Museo che raccoglie la preziosa testimonianza delle lotte sindacali che avevano come obiettivo quello di eliminare l’amianto dalle lavorazioni e di garantire un’organizzazione del lavoro che garantisse la salute degli operai.
L’anno scorso, a poche settimane dalla chiusura dello stabilimento, scrissi sul blog  che, come Comune di Bologna, ci saremmo battuti insieme all’Associazione Familiari e Vittime di Amianto dell’Emilia Romagna (AfeVA), per mantenere il Museo dov’è e ottenere da Ferrovie parte dell’area non contaminata per un progetto di interesse pubblico, un vero e proprio polo culturale dedicato a mantenere viva la memoria della storia delle OGR.

Per questo motivo oggi abbiamo sottoscritto un patto di collaborazione con AfeVA, che avrà come obiettivo quello di costruire un percorso didattico-museale sulla storia delle Officine Grandi Riparazioni di via Casarini a Bologna, per condividere la lettura civica delle importanti vicende che ne hanno caratterizzato i 110 anni di vita e consegnare alla città uno strumento per mantenere vivo questo aspetto dell’identità civile collettiva. Il patto di collaborazione renderà possibile una serie di attività funzionali allo sviluppo di questo percorso didattico-museale che si vuole realizzare. Per esempio, sarà avviata un’indagine storico-bibliografica per ricostruire la vicenda sotto un duplice aspetto: da un lato, della storia dei lavori svolti presso le OGR (1908-2018) e dell’industria di manutenzione ferroviaria nella più ampia filiera dell’amianto e della manutenzione ferroviaria in Emilia-Romagna; dall’altro lato, l’indagine vuole ricostruire la strage dell’amianto, il ruolo degli istituti di salute pubblica locali e regionali nello sviluppo del sapere biomedico sulle malattie amianto-correlate e le conquiste ottenute dai lavoratori nell’ambito dei diritti a tutela della salute nei luoghi di lavoro.
Sarà poi avviata un’indagine etnografica nell’ambito della quale verranno realizzate delle interviste approfondite, con utilizzo di mezzi audiovisivi, ad attori sociali coinvolti nelle vicende da ricostruire. I contenuti raccolti saranno visibili da tutti i cittadini nella sede del “Presidio di Memoria-La storia delle Ogr in Assemblea legislativa regionale” messa a disposizione dall’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna, in viale Aldo Moro 50 a Bologna. Questi nuovi contenuti integreranno l’esposizione già allestita nella sede di viale Aldo Moro per sensibilizzare la comunità sul ruolo che le OGR e le lotte portate avanti dagli operai hanno avuto nella realtà cittadina e regionale a favore della tutela dei diritti alla salute di lavoratori e cittadini. Sarà infine realizzata una pubblicazione divulgativa dei primi risultati emersi dall’avvio dell’attività di indagine storico-bibliografica e etnografica.
La presentazione del patto di collaborazione è stata anche l’occasione per fare il bilancio della raccolta di firme promossa da AfeVA da ottobre 2018 a febbraio 2019 in calce a una richiesta, indirizzata al Gruppo FS e alle istituzioni, per far sì l’area venga tutelata e totalmente bonificata dall’amianto e messa in sicurezza che ho firmato insieme all’assessore all’urbanistica Valentina Orioli e alla Presidente dell’Assemblea Legislativa Simonetta Saliera lo scorso anno. Ad oggi le firme raccolte sono oltre 5600, un ottimo risultato che ci incoraggia nel percorso che ci attende.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.