WUNDERBO, UN VIDEOGIOCO PER SCOPRIRE BOLOGNA

videogioco-WunderBO--620x330

È Melazeta l’azienda vincitrice tra le 13 realtà che hanno partecipato a Bologna si mette in gioco – Playable Bologna, il bando di gara lanciato dal Comune di Bologna per realizzare un videogame che promuova la città. Il gioco vincitore, ‘WunderBO’, porterà l’utente in un viaggio alla scoperta del patrimonio culturale, di storie e di personaggi speciali della città di Bologna.

I videogiochi e i prodotti della creatività sono strumenti potentissimi per promuovere la cultura e l’immagine della città. Questo è un primo progetto pilota per Bologna e il frutto di una collaborazione tra Comune e Università attraverso l’Istituzione Bologna Musei e il Sistema Museale d’Ateneo. Insieme possiamo immaginare scenari innovativi per rendere Bologna con i suoi tesori nascosti sempre più attrattiva e interessante per i cittadini, gli studenti e i turisti.

L’app proposta da Melazeta è un’avventura basata su puzzle e enigmi, un ‘hidden object’ che ruota intorno alla Wunderkammer del giocatore: una virtuale stanza delle meraviglie in cui raccogliere i reperti provenienti dalle collezioni del naturalista Ulisse Aldrovandi, del collezionista di meraviglie Ferdinando Cospi e del fondatore dell’Istituto delle Scienze Luigi Ferdinando Marsili. Lungo il percorso, l’utente farà la conoscenza di questi celebri personaggi bolognesi, dialogherà con loro e dovrà ricomporre gli indizi disseminati all’interno della narrazione.
WunderBO inviterà il giocatore a scoprire Bologna e i suoi musei, a completare la propria raccolta di reperti visitando il Museo Civico Medievale e il Museo di Palazzo Poggi. Attraverso i social, l’utente potrà infine condividere i propri progressi, partecipando in prima persona alla diffusione della conoscenza della città e dei suoi tesori.

Il gioco sarà pronto per la messa online entro il 2019. Il bando è cofinanziato dal Comune di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il progetto INCREDIBOL! – l’INnovazione CREativa DI BOLogna, che sostiene lo sviluppo delle professioni e imprese culturali e creative nascenti, nonché dal Programma per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea tramite il progetto Rock (ROCK Regeneration and Optimisation of Cultural heritage in creative and Knowledge cities), che ha l’obiettivo di favorire la rigenerazione dei centri storici attraverso il patrimonio culturale come motore di sviluppo sostenibile e crescita economica.

 

 



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.