Turismo e Lavoro da primato a Bologna

IMG-4779.jpgSono passati tre mesi da quando il Sindaco ha modificato le deleghe e la squadra di Giunta. Dopo sei anni, ho terminato il mio lavoro come Assessore all’Economia del Comune di Bologna, passando alla Cultura e mantenendo la delega al Turismo. Sabato scorso ho avuto modo di presentare in conferenza stampa una sorta di consuntivo del lavoro svolto in questi due mandati sul fronte economico, insieme al Presidente della Camera di Commercio Giorgio Tabellini. Nel 2008, primo anno della crisi globale, la disoccupazione nella nostra città era al 2,5%. A inizio del nostro primo mandato, nel 2011, la disoccupazione era già salita al 5% circa, arrivando progressivamente negli anni successivi a toccare il 10%, il doppio tra le nuove generazioni. Sette anni dopo, al termine del mio mandato da assessore all’Economia i dati ci raccontano una situazione nuovamente positiva, con alcuni primati importanti che tengo a sottolineare almeno tra noi.
* Bologna mantiene anche per l’anno 2017 il primato del tasso di OCCUPAZIONE fra le grandi città italiane: stabile al 71,8%. Ancora una volta la disoccupazione (5,2%) è la più bassa fra le grandi città italiane e ampiamente inferiore a quella nazionale (11,2%).

* Settore chiave per questi risultati il TURISMO (secondo la ricerca di Unioncamere presentata), un segmento che sette anni fa nella nostra economia locale quasi non esisteva e che invece oggi vale 3 miliardi di euro, 40 mila occupati e un valore aggiunto dell’8,3%.

* Dopo un anno dalla sua attivazione, sono 98 le persone in condizione di fragilità sociale ed economica che hanno ricevuto una proposta di inserimento o di formazione grazie al progetto INSIEME PER IL LAVORO promosso da Comune e Curia.

* Sottoscritta da Comune di Bologna, Riders Union e le Organizzazione Sindacali di Cgil Cisl e Uil la prima “Carta dei diritti fondamentali del lavoro digitale nel contesto urbano” in Italia.

Sono orgoglioso di avere contribuito a questi risultati, per i quali abbiamo lavorato con grande dedizione. Al di là di tante parole, questi dati dimostrano quanto Bologna sia oggi la città italiana con la maggiore forza propulsiva.

Ora tocca alla Cultura, mia nuova delega, riguardo alla quale nutro la stessa speranza di crescita per il futuro. Per quanto riguarda i temi del LAVORO non verrò meno comunque al mio impegno politico, che proseguirò a prescindere dai miei compiti amministrativi.

Senza titolo.jpg

La Repubblica di Bologna

 



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...