Bologna Made: 480 mila euro di contributi per l’economia di prossimità

BoMade_sidebarNasce ‘Bologna Made’, il nuovo programma del Comune di Bologna per un sostegno concreto alle piccole e medie imprese artigianali e commerciali dei quartieri. Con questo nome d’ora in poi presenteremo le misure dedicate alla promozione dell’economia locale. Dopo gli interventi di riaqualificazione sui mercati rionali e i contributi sulla sicurezza del commercio in Bolognina, lanciamo appunto un bando che mette a disposizone 480.000 euro per progetti di valorizzazione dell’economia di prossimità. Intendiamo così dare un mano a chi vuole avviare una nuova attività o rafforzare una esistente, attraverso la concessione di un contributo a fronte della presentazione di un progetto. Siamo alla ricerca di proposte volte a difendere e innovare la vocazione artigianale e commerciale della città. Autenticità e tradizione, ma anche proposte in grado di accompagnare le piccole imprese di ‘strada’ verso il cambiamento. L’economia di prossimità è un presidio del territorio e un servizio per la comunità, ma è colpita da alcune criticità: la crisi dei consumi e l’avvento di internet; le liberalizzazioni e la maggiore concorrenza dovuta all’ingresso di nuovi operatori della grande distribuzione; il riposizionamento internazionale e turistico di Bologna che ha portato con sè nuove opportunità e sfide. Tutte cose che richiedono maggiore qualità e preparazione, capacità di organizzarsi e usare le tecnologie, di rispondere a domande nuove dei consumatori e dei cittadini. Cerchiamo progetti semplici e concreti da sostenere. Volete da tempo creare uno spazio per l’allattamento dei bambini nel vostro negozio o renderlo più accessibile ai disabili? assumere un collaboratore o non licenziarne uno? vi piacerebbe imparare una lingua e vendere online i vostri prodotti? creare un itinerario turistico insieme agli altri negozi della vostra via? sognate di aprire una libreria o rilevare la bottega artigianale di vostro padre in periferia? Questo bando è pensato per voi.

Inauguriamo con questo progetto una nuova stagione di sostegno alle imprese di vicinato. Parola d’ordine: SEMPLICITA’ e TRANSIZIONE, poche regole chiare e modalità facili per presentare e rendicontare i progetti. Vogliamo finanziare chi costruisce progetti di interesse per la comunità, chi si mette in disucissione per rimanere sul mercato e dare continuità alla propria azienda, chi vuole offrire servizi a turisti e cittadini. E’ nostra intenzione ripetere questo bando ogni anno per dare continuità e migliorare passo passo questa politica, in collaborazione con le associazioni economiche. Ringrazio a questo proposito ASCOM, CNA e CONFERSECENTI Bologna che ci hanno aiutato nella redazione dell’avviso e che svolgeranno un’attività di tutoraggio per le imprese, sia in fase di presentazione dei progetti, sia successivamente.

L’avviso pubblico rimarrà aperto per la presentazione dei progetti fino alle ore 13 di venerdì 10 novembre 2017. I contributi a fondo perduto, per un totale di 480.000 euro, saranno assegnati con tagli massimi da 20.000 euro. Il bando sostiene attività riconducibili a due linee di intervento:

a) l’insediamento e la qualificazione di esercizi commerciali con vendita al minuto e attività artigianali attraverso lo sviluppo di nuovi servizi e prodotti per cittadini, visitatori e city users (per questo ambito possono presentare domanda di contributo solo esercizi commerciali e imprese artigiane);

b) la valorizzazione di spazi pubblici che hanno necessità di rilancio attraverso nuove iniziative culturali pensate prevalentemente per il target turistico o la realizzazione di nuovi itinerari e iniziative di turismo culturale, accessibile e sostenibile, con particolare riferimento allo sviluppo di strumenti digitali (possono presentare progetti per questo tipo di contributo associazioni, imprese e liberi professionisti).

Sono ammissibili al contributo le spese per la progettazione e realizzazione di allestimenti e servizi da parte di esercizi commerciali, laboratori artigianali e botteghe storiche (per esempio angolo bebè, servizi e allestimenti per l’accessibilità universale, corner di prodotti informativi e promozionali); spese per la formazione del personale (per esempio corsi di lingue per il personale a contatto con il pubblico) e l’attivazione di contratti di lavoro aggiuntivi per lo sviluppo di nuovi servizi per visitatori e city users; spese di organizzazione per eventi culturali, iniziative di prossimità e di animazione sociale.

I progetti selezionati saranno annunciati entro dicembre 2017 e dovranno essere realizzati entro la fine del 2018. L’avviso pubblico Bologna Made è consultabile su Iperbole e sul sito www.bolognamade.it. Per informazioni si può scrivere a bolognamade@comune.bologna.it.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...