Radio Bruno Estate

DATA-4-gran-finale

Prendo carta e penna (si fa per dire) per intervenire sulla questione relativa al concerto finale di Radio Bruno Estate in Piazza Maggiore, il prossimo 4 settembre. Un evento popolare e apprezzato da migliaia di persone, me compreso. Un evento che ogni anno si ripete a Bologna, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Non è mio costume essere impulsivo, però al signor Prandi una risposta la devo dopo avere letto i giornali di questa mattina. E’ vero ed è corretto ammetterlo, c’è stato un errore da parte del Comune in questi giorni. Un ufficio, senza consultare gli Assessori delegati, ha inviato una email a Radio Bruno esprimendo un parere negativo rispetto al concerto. E’ stato fatto in buona fede, ma sbagliando, pensando che l’allestimento e l’evento non fossero compatibili con la programmazione della Piazza. Raggiunto personalmente al telefono da una dipendente della Radio che mi informava del tutto il giorno successivo, mi sono adoperato per capire cos’era successo e d’intesa con l’Assessore Gambarelli abbiamo instradato il percorso per consegnare doverosamente la pratica alla Sovrintendeza per un parere definitivo. Come accade per tutti gli eventi, senza privlegi nè penalizzazioni. Tutto ciò entro 48 ore da quando ho ricevuto la telefonata dalla dipendente di Radio Bruno. Peccato, devo dirlo, che allo scoccare di quella telefonata fosse già partito il classico articolo sul giornale, al quale oggi si aggiungono nuove amarezze, concluse con l’altrettanto classica affermazione se non ci volete andiamo altrove, a Carpi, tanto manco ci pagate.

Dispiace rilevare questo atteggiamento. Forse sono solo i giornali che distorgono (forse?), me lo auguro. Cinque anni fa, da Assessore della prima Giunta Merola difesi l’evento di Radio Bruno da chi lo riteneva ‘pattume’. Lo feci sinceramente, perchè non ho mai amato la distinzione tra cultura di serie A e di serie B. Perchè penso che Bologna meriti una bella serata dove le persone si divertono serenamente, così come pensavo che Radio Bruno meritasse e meriti tuttora Bologna. Una piazza ambita, della quale tutti noi siamo e dobbiamo essere custodi. Presi quella decisione senza bisogno di un aiutino dall’alto, glielo posso assicurare signor Prandi. Ora, libero come allora, le posso dire che negli anni successivi ho continuato a promuovere il vostro evento, a partecipare alle conferenze stampa. Tanto libero dallo spiegare a lei, l’anno scorso, che alcuni sponsor sul gioco d’azzardo che volevate esporre sul palco, no a Bologna non si potevano esporre. Perchè? il Consiglio Comunale di Bologna ha approvato un regolamento che lo vieta e ne siamo orgogliosi. Lo scopo è chiaro, contrastare un fenomeno che rovina migliaia di famiglie e di persone ogni anno. Abbiamo promosso campagne e battaglie nazionali, su questo siamo in prima linea.

Eccoci qua. Noi lo vogliamo il concerto. Ho spiegato qual è stato il problema con trasparenza. Se la Sovrintendenza approverà la richiesta e non ho motivo di dubitare visto che ogni anno precedente lo ha fatto, l’evento si potrà fare. Non scarico le mie responsabilità su nessun funzionario comunale. La Giunta risponde per tutta l’Amministrazione. Chiedo scusa per l’inconveniente però, allo stesso tempo, chiedo rispetto per la nostra città e la nostra Piazza. Gli eventi a Bologna si fanno e si continueranno a fare, di tutti i tipi ma con dei limiti dovuti ai contesti e ai regolamenti.

Signor Prandi, se accetta la mia mano tesa credo faremmo una buona cosa. Chiudiamola qua, nel rispetto di tutti.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...