Bologna trasforma il CIE in Centro di accoglienza

Mentre continuano ad arrivare notizie drammatiche dal Mediterraneo e da Lampeusa, Bologna fa la sua parte. Dopo le richieste del sindaco Virginio Merola e l’Amministrazione comunale tutta, supportata da molte voci della società civile e del territorio, la nostra città e la prima ina Italia a trasformare il vecchio CIE (Centro di Identificazione ed Espulsione) in un luogo di accoglienza per profughi in fuga dalla guerra. Tanti si sono impegnati affinchè il CIE collocato in via Mattei da circa 10 anni, non riaprisse più con la stessa funzione e così venerdì scorso a fronte di nuove arrivi di 200 profughi annunciati sul nostro territorio, il Ministero degli Interni ha consentito nel giro di 24 ore che il CIE venisse convertito in un luogo di prima accoglienza. In questa foto è stata catturata un’immagine evocativa ed importante dell’evento, durante lo smontaggio del portone di ferro all’ingresso del Centro.

“Il Cie come luogo di detenzione illegittima di persone senza reati a cui veniva imputata solo l’irregolarità dei documenti di soggiorno non esiste più. Il Cie come luogo che tratteneva le persone in condizioni disumane e degradanti non esiste più. Il Cie come luogo costosissimo per la comunità e totalmente inefficace dal punto di vista della lotta alla criminalità immigrata attraverso le espulsioni, che non si è mai riusciti a fare, non esiste più. E questo è avvenuto per la prima volta a Bologna – commenta in Consiglio comunale l’assessore ai Servizi sociali, Amelia Frascaroli – Oggi il CIE è un luogo che, in 24 ore, è stato trasformato in un centro di accoglienza aperto, dignitoso e umano per uomini donne e bambini in fuga da luoghi di guerra. Questo grazie all’enorme impegno e al lavoro che in modo immediato e con disponibilità assoluta si è messo in campo a partire dal presidio esercitato dalla Prefettura, dalle cooperative dei gestori che sono stati presenti giorno e notte senza risparmiarsi, senza limiti di orario e che hanno saputo coinvolgere sia il volontariato sia gli ospiti, fatto importante che vorrei sottolineare, degli altri due centri di accoglienza presenti in città che in grande numero si sono resi disponibili e hanno svolto effettivamente loro la mano d’opera per allestire la struttura. Un grazie anche a tutti gli operatori del Comune di Bologna”.

Il Centro di Prima Accoglienza viene dunque inserito nel processo di accoglienza sul quale è stato raggiunto un accordo in Conferenza Unificata Stato Regioni lo scorso 10 luglio, che prevede per l’operazione “Mare Nostrum” tre fasi:

– raccolta in mare o di impatto nei porti;
– smistamento delle persone nei Centri regionale per l’identificazione e tutti gli accertamenti igienico sanitari necessari;
– accoglienza diffusa nei comuni tramite il sistema SPRAR (Sistema Protezioni Richiedenti Asili e Rifugiati).

Attualmente il sistema SPRAR è attivo per 20.000 posti su tutto il territorio nazionale. La Conferenza Stato Regioni ha chiesto al Governo di arrivare a 35.000 posti con il relativo stanziamento di risorse adeguate.

L’accordo del 10 luglio scorso permette di risolvere anche il tema dei minori stranieri non accompagnati che anch’essi rientreranno nel sistema SPRAR, non rimanendo così totalmente in carico alle amministrazioni locali, come è stato finora.


One Comment on “Bologna trasforma il CIE in Centro di accoglienza”

  1. […] diritti ha fatto molti passi avanti nel corso della sua storia, da ultimo tramite la chiusura del CIE di via Mattei e la sua trasformazione in HUB per accogliere i profughi in arrivo dal Mediterraneo, nonchè l’apertura di una Casa di […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...