Insomma, io penso che Stefano Rodotà sarebbe un buon Presidente della Repubblica

Insomma, io penso che Stefano Rodotà sarebbe un buon Presidente della Repubblica. Non condivido una sua recente presa di posizione che riguarda la nostra città ma questo non significa che non lo consideri una persona degna, anzi degnissima per quel ruolo. Di recente ho proposto di modificare lo Satuto del Comune di Bologna, introducendo un emendamento che riprende quello che già Rodotà propose per la Costituzione Italiana per il diritto alla Rete. Al di là di come la pensiamo, l’Italia ha fame di diritti civili. Chissà che una sua eventuale elezione non ci porti dentro una politica che parla di nuovo di noi.

http://rodotapresidente.tumblr.com/


One Comment on “Insomma, io penso che Stefano Rodotà sarebbe un buon Presidente della Repubblica”

  1. Ermanno Tarozzi scrive:

    D’accordo sul fatto che Stefano Rodotà sarebbe un ottimo Presidente della Repubblica (io preferirei D’Alema), ma sulla questione del referendum avrebbe dovuto anche dire che durante la discussione sull’art.33, che fu ampia e approfondita (ne parlarono Corbino, Marchesi, Preti, Pacciardi, Mario Rodinò, Codignola, Bernini, Gronchi ed altri) l’Assemblea costituente ritenne opportuno, in sede di approvazione dell’articolo, dare anche una interpretazione autentica alla famosa dizione “senza oneri per lo Stato”. Secondo tale interpretazione- ripeto autentica e quindi che non può essere disattesa ne altrimenti interpretata, neppure dalla Corte costituzionale, essendo stata formulata dall’unico organo abilitata a formularla, l’Assemblea costituente- “senza oneri per lo Stato” sta ad indicare senza oneri per la costituzione o istituzione di scuole parificate (non hanno cioè un diritto costituzionale per questo) e non già per il loro funzionamento (Atti Assemblea Costituente, pagg 3377-8). Quanto precede l’ho desunto alla pag.119 dal testo ” La Costituzione della Repubblica italiana illustrata con i lavori preparatori” a cura di V. Falcone,F.Palermo, F.Cosentino, Oscar Studio Mondadori, Arnaldo Mondadori Editore, pagg.506, Arti Grafiche delle Venezie, Vicenza, 1976.
    Per quanto posso saperne questa interpretazione non è stata mai fornita ai cittadini firmatari dai promotori del referendum.

    Ermanno Tarozzi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...