Un marziano a Bologna?

“Anche nel tempio del peccato puoi trovare un sacerdote che predica la buona novella. Uno c’è. Fa il coordinatore della giunta, l’assessore al marketing e alle relazioni internazionali di Bologna, ha 32 anni, si chiama Matteo Lepore, gira in Panda a metano…” Ringrazio Pierangelo Sapegno, giornalista de La Stampa, che mi ha concesso queste parole (e anche altre) in un articolo pubblicato sul suo giornale il 12 ottobre scorso. L’articolo è dedicato alla scelta di pubblicare su questo blog le spese delle missioni istituzionali, un impegno che ho assunto proprio nei primi post. Sapegno va oltre e parla dello stile di sobrietà che il Sindaco ha deciso di imprimere da subito alla sua giunta e all’amministrazione. Le parole che ha usato Virginio Merola i primi giorni di lavoro insieme me le ricordo, sono state: “dobbiamo dare l’esempio”. Dall’intervsita di Sapegno ne sono nate altre e in particolare una con Sebastiano Barisoni di Radio24 (Podcast: intervista al minuto 50:57). Da una settimana ricevo email e messaggi da diverse parti d’Italia, cittadini che hanno conosciuto per la prima volta la nostra storia: meravigliati, stupiti, contenti, indignati. Meravigliati dalla semplicità di un gesto, stupiti dal fatto che sotto le tonnellate di letame nasca ancora qualche fiore, contenti perchè facciamo il nostro lavoro, indignati perchè sono costretti (proprio così dicono alcuni) a essere grati a qualcuno che semplicemente fa il suo dovere nella “normalità”. Ma a Bologna ci sono i marziani? …no, è la “merda” (cito sempre un cittadino) che ci circonda che ci sta coprendo la vista.


One Comment on “Un marziano a Bologna?”

  1. Framino ha detto:

    Reblogged this on Framino and commented:
    “Ma a Bologna ci sono i marziani? …no, è la “merda” (cito sempre un cittadino) che ci circonda che ci sta coprendo la vista.”


Rispondi