ENEL e Comune di Bologna: firmato accordo su obiettivo Smart City

Il Sindaco Virginio Merola e il Direttore della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel Livio Gallo hanno firmato oggi il protocollo di intesa per l’iniziativa europea “Smart City”. Inizia così un cammino comune per una città ecosostenibile e capace di trasformare i propri edifici, le reti energetiche e i mezzi di trasporto in strutture, reti e sistemi del futuro a basso impatto ambientale grazie ad una drastica riduzione delle emissioni di CO2. L’iniziativa “Smart Cities” supportata dall’Unione europea che coinvolge le città aderenti al Patto dei Sindaci, fa parte delle European Industrial Initiatives ed è finalizzata a creare le condizioni e le tecnologie per costruire una città sostenibile che coniughi in un unico modello urbano tutela dell’ambiente, efficienza energetica e sostenibilità economica. Tra le principali misure per l’efficienza energetica e l’integrazione in rete della produzione da fonte energetica rinnovabile si annoverano le “Smart Grids”, reti elettriche intelligenti in cui Enel è leader a livello mondiale.

“Questo protocollo – ha detto il sindaco Merola – è allo stesso tempo una conferma importante e un ampliamento strategico della collaborazione tra Enel Distribuzione è la città di Bologna. Avere al nostro fianco un Partner di rilevanza internazionale nel campo dell’energia, infatti, rafforza il percorso nuovo che la nostra amministrazione ha avviato da alcuni mesi insieme all’Università e ad ASTER, dedicato all’obiettivo Smart City, per rendere maggiormente sostenibile ed efficiente il nostro sistema urbano”. Nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’accordo, Livio Gallo ha annunciato la disponibilità di Enel a collaborare per il progetto Portici del Comune di Bologna, dedicato a gestire una primo blocco importante dei Portici bolognesi che collegano San Luca a Piazza Maggiore.

“All’interno di questo percorso – ha proseguito il Sindaco – la partnership con ENEL rappresenta un quadro solido di impegni reciproci dai quali intendiamo partire per sviluppare progetti nel campo dell’iniziativa europea “Smart cities” finalizzata a creare le condizioni per far partire l’adozione di massa delle tecnologie a favore dell’efficienza energetica. Questa iniziativa sosterrà le città con maggiori ambizioni pionieristiche (all’interno di quelle che hanno firmato il Patto dei sindaci–Covenant of Mayors, tra le quali appunto Bologna), città che intendono trasformare i propri edifici, le reti energetiche e i sistemi di trasporto, in edifici, reti e sistemi del futuro, consentendo l’attuazione della strategia della transizione verso un’economia a bassa emissione di carbonio. In questo protocollo, abbiamo elencato una serie di punti strategici d’intesa, una serie di azioni concrete sulle quali stiamo già lavorando insieme nel territorio comunale, ma soprattutto abbiamo deciso di aprire insieme la strada verso il prossimo ciclo dei fondi strutturali europei che particolare attenzione dedicheranno allo sviluppo delle aree urbane”.

“Siamo orgogliosi – ha detto Livio Gallo – di offrire a Bologna il nostro supporto nel percorso verso lo sviluppo di una “città intelligente” a livello europeo. Una Smart City è basata su infrastrutture intelligenti da tutti i punti di vista. Le Smart Grids sono il fattore abilitante per lo sviluppo di ulteriori misure di efficienza energetica, quali ad esempio la mobilità elettrica intelligente e innovativi servizi a valore aggiunto per i clienti. Enel sta lavorando con l’obiettivo di creare un’infrastruttura di rete capace di integrare in maniera intelligente le azioni di tutti gli utenti ad essa connessi. Nel contesto delle Smart Cities, le Smart Grids contribuiscono all’abbattimento di circa il 30 per cento delle emissioni CO2 rispetto ai target cittadini. In Italia Enel sta sviluppando progetti sulle Smart Cities a Torino, Genova, Pisa e Bari”.

Anche l’illuminazione pubblica giocherà un ruolo chiave nello sviluppo delle Smart Cities, rivelandosi un elemento importante di collegamento tra le Municipalità e i cittadini, non solo per quanto riguarda l’energia elettrica ma anche per lo sviluppo tecnologico di servizi attraverso reti wifi e la diffusione di informazioni tramite la rete dell’illuminazione pubblica.

Oltre che nelle già citate italiane, a livello mondiale Enel sta sviluppando progetti e sperimentazioni sulle Smart Cities a Buzios in Brasile, a Santiago del Cile, a Malaga e a Barcellona in Spagna.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...