I vincitori di Incredibol! 2012: Bologna creativa…passando da Utrecht

Il 19 e 20 aprile scorso a Utrecht, ho partecipato a nome del Comune di Bologna al Culture Forum di Eurocities dedicato ai partenariati per la cultura e lo sviluppo delle città. Un appuntamento importante nel percorso verso il programma della Commissione Europea “Creative Europe”, che dal 2014 rivoluzionerà il sistema dei fondi e delle misure di supporto alla cultura e alla creatività, elementi considerati fondamentali in un’ idea di sviluppo urbano integrato. Insieme ai colleghi delle altre città europee, ci siamo cofrontati sul ruolo delle industrie creative a partire da un recente studio della Commissione Europea sul tema “La dimensione imprenditoriale delle industrie culturali e creative”. Il contributo di Bologna, che da tempo partecipa e guida un gruppo di lavoro sulle risorse per la cultura all’interno del Forum, si è concentrato sulle diverse attività che svolgiamo e in modo particolare sul progetto Incredibol! dedicato al supporto delle imprese creative e innovative. La rete di Incredibol! rappresenta una sperimentazione davvero nuova nel contesto europeo e, in molti aspetti, anticipa la prossima programmazione di Creative Europe. Proprio ieri, appena tornato da Utrecht, abbiamo presentato i 20 progetti selezionati (148 quelli presentati da aspiranti imprese e start-up).

Incredibol! è promosso dal Comune di Bologna con il contributo di Fondazione Carisbo, in collaborazione con Provincia, CNA, Legacoop, Università, Accademia di Belle Arti, Arci ed è un’ampia rete di partner pubblici e privati, per sostenere le professioni e le imprese creative sul territorio emiliano-romagnolo. In un momento di grande difficoltà per l’economia, le cosiddette ‘creative industries’ rappresentano invece un settore in espansione, dalle grandi potenzialità di sviluppo economico ancora in gran parte inesplorate – 33 mila in Emilia-Romagna, il 30% a Bologna, secondo una ricerca regionale presentata proprio la settimana scorsa.

E’ veramente importante il risultato ottenuto quest’anno da Incredibol!. Nato come una piccola iniziativa per la creazione di reti per l’innovazione, oggi è uno dei progetti più importanti del nostro territorio e ne definisce l’identità. E’ esempio di come sia possibile sostenere i grandi talenti che escono dall’Università e incentivarli a radicarsi sul territorio con progetti innovativi e di respiro internazionale. Con questi numeri, e arazie all’investimento di tutti gli attori pubblici e privati che si sono legati a questo progetto penso sia possibile fare di Bologna una piccola Berlino sull’asse delle start up d’impresa.

Con un bilancio proposto di 1,8 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, la Commissione Europea si prepara a sostenere dal 2014 queste politiche a favore delle industrie culturali e creative che costituiscono un’importante fonte di occupazione e di crescita in Europa. Il nuovo programma stanzierà più di 900 milioni di euro a sostegno del settore cinematografico e audiovisivo (ambito coperto dall’attuale programma MEDIA) e quasi 500 milioni di euro per il settore culturale. La Commissione intende inoltre stanziare più di 210 milioni di euro per un nuovo strumento di garanzia finanziaria destinato a consentire ai piccoli operatori di accedere a prestiti bancari su un totale di quasi 1 miliardo di euro e destinerà circa 60 milioni di euro a sostegno della cooperazione politica e delle strategie innovative in tema di audience building e di nuovi modelli imprenditoriali.

Il bando e i vincitori di Incredibol!

Gli specifici ambiti di interesse dei progetti, individuati in base alla definizione italiana di ‘industrie culturali e della creatività’ del Libro Bianco sulla Creatività (MiBAC, 2007), sono la cultura materiale (es. moda, design industriale e artigianato, industria del gusto), la produzione e comunicazione di contenuti (es. software, editoria, TV e Radio, pubblicità, cinema) e il patrimonio storico-artistico (es. musica e spettacolo, architettura, arte contemporanea).

Entro la scadenza del 15 febbraio sono pervenuti 148 progetti da tutta la regione, suddivisi in due categorie: A (Aspiranti imprese, 129 progetti) e B (Neo-Imprese, 19 progetti). Una commissione formata dal Comune con la collaborazione di rappresentanti dei partner della rete ha selezionato come idonei 14 progetti per la categoria A e 6 progetti per la categoria B.

Per la Categoria A – Aspiranti Imprese sono stati selezionati: Laboratorio di arti grafiche classiche e contemporanee, Manoteca, Sfera cubica, Edgelab S, Tesla Consulting, Seiperdue SNC, Youtool design out of the box, Wunderkammer, D-hand_design a mano, Elecktrochic – Art you wear, GINGER: Gestione Idee Nuove e Geniali in Emilia Romagna, Minimess.tv, mini tv for smart kids, Millewatt studio, proget-art.

Per la Categoria B – Neo-Imprese sono stati selezionati: Les Libellules di Cappelli Alice, Bottega Finzioni s.r.l., Ren Studio s.n.c., Ciclostile Architettura s.r.l., Comuni-chiamo s.r.l., Italica Edizioni.

I criteri adottati per le valutazioni sono stati la qualità del progetto in relazione alle potenzialità di sviluppo e innovatività, la fattibilità tecnica e la sostenibilità economica, l’accuratezza e la qualità della presentazione, l’attinenza delle competenze dei singoli componenti, la rilevanza del progetto in relazione al contesto del territorio regionale, la presenza di altri soggetti coinvolti in qualità di partner, l’età media dei componenti.

Nelle prossime settimane la rete di Incredibol! incontrerà i progetti vincitori e procederà ad assegnare i benefici previsti dal bando secondo la graduatoria: due contributi in denaro di 5000 euro (uno per categoria), diversi spazi in comodato d’uso gratuito messi a disposizione dal Comune, supporto promozionale e attività di formazione e di consulenza gratuite in collaborazione con i partner della rete.

Le prime iniziative a partire saranno il servizio di consulenze dedicato a 2 start up dell’audiovisivo promosso dalla Cineteca di Bologna (grazie al contributo della Regione Emilia-Romagna e il supporto operativo di ASTER) e posti gratuiti all’interno dei corsi di specializzazione realizzati da Fondazione Ater Formazione, riservati a 2 start up dello spettacolo e delle arti visive e a 2 start up del cinema e dell’industria musicale.

Altri benefici si aggiungeranno progressivamente grazie all’impegno dei partner consolidati e di quelli che si stanno aggiungendo.

—————————————————————————————————————————-

Preventivo della missione a Utrecht: la mia segreteria ha preventivato 850 euro, per aereo andata e ritorno Bologna-Amsterdam più trasporti e un pernottamento. Le spese saranno sostenute da me e, al rientro, presenterò un consuntivo con ricevute allegate per ottenere il rimborso dovuto pari ad un ammontare che renderò noto sul blog.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...