A Ghent per la Conferenza Generale di ECCAR: Coalizione citta’ europee contro il razzismo e la xenofobia

Dal 23 al 25 novembre sono a Ghent (Belgio) per prendere parte all’Assemblea generale di ECCAR, la coalizione europea delle città  contro il razzismo e la xenofobia, di cui il Comune di Bologna fa parte dal 2005. Tra gli obbiettivi della tre giorni c’e’ l’elezione del nuovo steering committee, del presidente e del vice-presidente della rete. Oltre ai momenti più politici, si stanno svolgendo anche diversi workshop per confrontarsi su progetti dedicati ai temi, con particolare riferimento all’integrazione delle comunità migranti. Il Comune di Bologna ha molte a cose da dire  in proposito e le diremo: dalla costituzione annunciata del nuovo “Ufficio pari opportunità, differenze e diritti umani”, alla gestione profughi, all’avvio del Piano freddo, oltre che numerosi progetti nel campo del sociale e della promozione dei diritti umani come il Festival Human Rights.

Dal primo giorno di incontri, emerge un’opinione comune tra le città partecipanti e cioè che negli ultimi anni, abbiamo dovuto osservare un preoccupante crescita in Europa dei partiti populisti di destra, razzisti e xenofobi, forti anche in alcuni Parlamenti. Il populismo di destra di solito vive sullo stereotipo del nemico, utilizzando problemi sociali e conflitti nelle nostre società per incassare un vantaggio politico. Le “paure” di perdere il lavoro, di perdere la propria identità e di presunta dominazione straniera portano a semplificare problemi complessi, a cercare capri espiatori: gli obiettivi comuni sono gli immigrati, le minoranze religiose ed etniche. Musulmani e rom sono solo due esempi.

Ancora molte sfide nel campo del razzismo, della discriminazione e dell’intolleranza in Europa devono essere affrontate. Questi mali sociali non solo violano la dignità e i diritti delle persone colpite, ma sono un veleno lento, una crescita cancerosa che mette in pericolo la coesione e la sicurezza e sociale. Essi costituiscono un attacco ai valori fondamentali della nostra democrazia. La lotta contro il razzismo e la discriminazione e’, quindi, diventata una delle principali sfide che l’Europa deve affrontare oggi.

La Coalizione Europea delle Città contro il Razzismo (ECCAR) lotta per una società urbana in cui siano onorati i principi di uguaglianza e di solidarietà, non solo a parole, ma nei fatti. Tuttavia, se vogliamo che i nostri sforzi abbiano successo, abbiamo bisogno di collaborazione con molte altre organizzazioni, istituzioni e persone di buona volontà che condividano i nostri obiettivi e lavorino nella stessa direzione.

—————–

Preventivo della trasferta a Ghent: la mia segreteria ha preventivato 860 euro, per voli andata e ritorno Bologna-Bruxelles piu’ treno locale per Ghent, notti in albergo e pasti. Le spese saranno sostenute da me e, al rientro, presenterò un consuntivo con ricevute allegate per ottenere il rimborso dovuto pari ad un ammontare che renderò noto sul blog.

(N.B. per gli appassionati: il budget annuale del Comune di Bologna per le missioni politiche fuori sede è di 15 mila euro in totale; attingono a questo fondo il Sindaco, 10 assessori e 36 consiglieri comunali).



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...