Il nuovo Trust per l’Arte Contemporanea nella città di Bologna

trust blogIeri ad Artefiera abbiamo presentato un progetto importante per il sostegno dell’arte contemporanea del nostro Paese: Bologna dà vita al primo Trust per l’arte contemporanea.

È uno strumento di politiche culturali, molto diffuso nei paesi anglosassoni e da oggi anche nel nostro Paese, sostenuto da diversi soggetti privati del nostro territorio: insieme hanno deciso di istituire il trust, così divenendone i disponenti, e quindi contribuire in maniera concreta alla promozione dell’arte contemporanea, per migliorare il posizionamento internazionale della città di Bologna, ascrivendola nel novero delle capitali europee del contemporaneo. È la prima esperienza in Italia in questo campo, costituita da una pluralità di soggetti privati.

Leggi il seguito di questo post »


A BOLOGNA IL PRIMO CENTRO D’ECCELLENZA PER IL RUGBY GIOVANILE

rugA Bologna nascerà il primo Centro d’eccellenza per il rugby giovanile. Oggi abbiamo firmato un protocollo importante per lo sport nella nostra città: grazie a un impegno preso dal Comune di bologna con la Federazione Italiana Rugby, al Centro sportivo Pier Paolo Bonori, nel Quartiere Navile, nascerà il Centro d’eccellenza per il rugby giovanile, con un campo scuola.

Un progetto di educazione sportiva, rivolto alle ragazze e ai ragazzi della nostra città. 

Leggi il seguito di questo post »


INCIAMPARE PER NON RICADERE

inc.jpgDa questa settimana anche Bologna ha le sue prime quindici pietre d’inciampo. Sopra sono incisi i nomi di Leone, Margherita, David, Adelaide, Raimondo, Jak Emanuele, Sergio, Alberta, Aureliano, Mario, Adelchi, Teresa, Jole, Angela. Non numeri, ma storie, nomi, vite di persone – nostri concittadini – vittime della persecuzione fascista e nazista.

“L’installazione di ogni Stolperstein è un processo doloroso ma anche positivo perché rappresenta un ritorno a casa, almeno della memoria di qualcuno”, ha detto Gunter Demnig, l’artista tedesco ideatore e realizzatore delle pietre d’inciampo in tutto il mondo.

Leggi il seguito di questo post »


BOLOGNA NON DIMENTICA

bologna non dimentica.jpg

Il Tribunale di Bologna ha condannato in primo grado all’ergastolo Gilberto Cavallini.

L’ex terrorista nero è stato condannato per la strage alla Stazione di Bologna. Dopo quarant’anni dalla strage che stravolse la vita della nostra città, si conferma in una sentenza di un tribunale una parte importante della verità giudiziaria.

La verità che Bologna e i bolognesi, insieme ai familiari delle vittime, non hanno mai smesso di cercare.

Leggi il seguito di questo post »


BOLOGNA, I NUMERI DI FINE 2019 E NUOVI PROGETTI 2020 PER LA CULTURA

I numeri di fine 2019 e progetti 2020 per la CULTURA-01La Cultura è la speranza di Bologna.

Ieri, nella conferenza stampa di inizio anno sulla Cultura a Bologna, abbiamo presentato i numeri degli eventi di fine 2019 e i principali obiettivi dell’Assessorato per il 2020.

Nel 2020 la cultura nel Bilancio Comunale vale 35 milioni di euro, pari al 6%. Ecco i nostri obiettivi:
1. Welfare culturale: per tanti e non pochi
2. Nuove generazioni, attrattività e produzione culturale
3. Nuove centralità urbane

Numeri e obiettivi che dimostrano che la cultura può essere un mezzo per generare una nuova società e passione civile.

Leggi il seguito di questo post »


SPORT A BOLOGNA, GLI ANNI CHE VERRANNO

31-12-2019-1Condivido l’intervista uscita nell’edizione di oggi del Corriere dello Sport – Stadio sullo sport a Bologna, tra il Dall’Ara, il terzo Palazzo dello Sport, la riqualificazione dell’ex CIERREBI, le Olimpiadi 2032 e l’importanza dello sport di base.

Intervista a Matteo Lepore – Gli anni che verranno
Di Federico Monti

Bologna come Barcellona. L’Assessore a turismo, cultura, sport e immaginazione civica del Comune di Bologna guarda al futuro e indica la capitale catalana come modello principale da seguire.

La fine dell’anno è il momento giusto per fare il bilancio di quanto realizzato, ma soprattutto il programma per gli anni a venire. E allora, parliamo con l’Assessore Matteo Lepore della direzione nella quale sta andando lo sport cittadino e metropolitano. Lepore, bolognese doc, nonostante la giovane età ha già molta esperienza, ricoprendo ruoli di responsabilità in Comune sin dal 2011, prima come Assessore al lavoro, economia e turismo e poi, sino a oggi, di turismo, cultura, sport e immaginazione civica.
Leggi il seguito di questo post »


GOOD LAND, UN NUOVO MODELLO D’IMPRESA PER LA TUTELA DEI LAVORATORI E DEL TERRITORIO

cap.jpgIl dieci dicembre ho partecipato alla presentazione della start-up Good Land e del suo primo progetto-prodotto: la passata di pomodoro contro il caporalato.

È grazie a Lucio Cavazzoni se a presentare il progetto c’ero anche io, insieme a Yvan Sagnet e Maria Luisa Terrenzio. Tutti e quattro uniti dalla lotta contro il caporalato e dalla voglia di liberare la nostra terra dalla schiavitù e dallo sfruttamento del lavoro agricolo, attraverso la rete NO CAP e Good Land, la nuova realtà nata a Bologna.
Leggi il seguito di questo post »